QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Chiusa la stagione sulle piste da sci per i Forestali, più rilievi di incidenti: a Pejo il record trentino. I dati

giovedì, 14 aprile 2016

Peio – Chiusa da poco, e con successo nonostante la scarsità di precipitazioni nevose che ne hanno ritardato la partenza, la stagione invernale e sciistica, è tempo di bilanci anche per il servizio di vigilanza e controllo sulle piste da sci svolto dal Corpo Forestale della Provincia autonoma di Trento (CFT).soccorso piste sci forestali

Una presenza, quella dei forestali, che si è affiancata sulle nevi di sei aree sciistiche (Brocon, Panarotta, Peio, Polsa-San Valentino, Colverde-San Martino e Bolbeno) a quella delle forze dell’ordine, presenti in altre stazioni. Ventitrè sono stati i forestali coinvolti, guidati da un coordinatore, che dopo un iniziale percorso di aggiornamento formativo che si è svolto nel comprensorio sciistico Tre Valli (Lusia, Bellamonte e Passo San Pellegrino) e, per quanto riguarda la parte teorica, presso la caserma del Centro di Addestramento alpino della Polizia di Stato di Moena, hanno iniziato l’attività effettiva tra il 24 dicembre 2015 e il 5 gennaio di quest’anno, a seconda delle località, non appena si sono create le condizioni minime per l’innevamento artificiale delle piste.soccorso trentino forestali piste sci

Complessivamente, gli operatori del CFT hanno prestato servizio sulle piste per 558 giornate (lo scorso anno erano state 642), dedicando principalmente la propria attività alla prevenzione degli incidenti, alla repressione dei comportamenti scorretti in pista e nel supporto alle società impiantistiche nelle operazioni di soccorso, nel rilievo degli incidenti ed espletamento del conseguente contenzioso.

La presenza dei forestali sulle piste da sci, però, si è caratterizzata anche per un altro, non secondario aspetto: la divulgazione delle buone regole di comportamento, il coinvolgimento dei turisti sciatori nella conoscenza delle realtà territoriali montane e l’educazione ambientale, una “mission” che fin dall’avvio, tredici anni orsono, di tale servizio con l’allora progetto “Snow Friend” ha reso visibile e apprezzata dai frequentatori delle aree sciistiche trentine interessate la presenza dei forestali trentini.

Ma vediamo i numeri: nel corso della stagione gli operatori CFT sono stati chiamati ad intervenire su 77 casi di incidente (nella stagione 2014-2015 furono 71), dei quali 10 con intervento dell’elisoccorso. Il maggior numero di interventi di questo tipo si è registrato nell’area di Peio (31 di cui 5 con elisoccorso), mentre 17 sono gli interventi per incidenti a Polsa-San Valentino, 10 al Brocon, 9 in Panarotta, 6 a Colverde-San Martino, 4 a Bolbeno.

Durante il periodo di servizio gli agenti del CFT hanno anche accertato, sulle piste della Polsa, 1 illecito amministrtativo in violazione alla Legge provinciale 7/87 per comportamento scorretto. Non è stato invece accertato alcun illecito di natura penale.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136