QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Val di Non, rissa dopo un incidente stradale: tre denunciati

mercoledì, 29 aprile 2015

Cloz – Un piccolo incidente stradale ha originato una rissa che è costata ai litiganti una denuncia in stato di libertà. Intervenuti in Cloz per eseguire rilievi planimetrici di un sinistro, i Carabinieri della Stazione di Fondo si sono visti costretti, invece, a dover sedare una rissa scoppiata tra gli automobilisti coinvolti.CARABINIERI LARGE

Un banalissimo scontro, con soli, e peraltro modesti, danni ai mezzi, ha dato dapprima luogo ad un’animata discussione, poi ad un’autentica mischia che ha visto contrapposti un uomo e, dall’altra parte, genitore e figlio.

L’intervento dei militari è servito ad evitare il peggio: il primo dei tre si era infatti armato di un arnese in ferro che teneva in auto per via del suo lavoro e con esso aveva preso a colpire i contendenti. I tre, ai quali i medici dell’ospedale di Cles hanno medicato lesioni per fortuna non gravi, sono stati deferiti all’A.G. e, per come sono andate le cose, dovranno rispondere del reato di rissa.

OPERAZIONI
Il fine settimana si è rivelato in ogni modo pure impegnativo per i Carabinieri della Compagnia di Cles sul fronte della verifica del rispetto delle norme del Codice della Strada. I militari dell’Arma, nelle ultime 48 ore, hanno infatti ritirato la patente ad un consumatore di sostanze stupefacenti e sorpreso al volante di un’autovettura un uomo a cui il documento di guida era già stato revocato.

A rimetterci, nella prima circostanza, è stato un diciottenne residente in Predaia che, insieme ad un amico ancora minorenne, si era appartato in una strada secondaria di Cles per consumare uno spinello. Ai due, che saranno segnalati al Commissariato del Governo di Trento, è stato sequestrata una piccola quantità di droga. La disponibilità dell’autovettura ha fatto scattare, per il più grande, avendo egli l’immediata disponibilità di un veicolo, il ritiro della patente di guida.

Una maldestra manovra è invece costata una denuncia in stato di libertà ad un ventunenne albanese, pure lui residente in Predaia. Predetto si è accorto troppo tardi del posto di controllo predisposto da una pattuglia dell’Aliquota Radiomobile e così ha improvvisamente diretto l’utilitaria nella sua disponibilità all’interno di un distributore di carburante della SS43. La manovra ha insospettito i militari che hanno proceduto al suo controllo: la patente di guida, che lo straniero ha detto di aver dimenticato a casa, gli era stata in realtà revocata nello scorso mese di gennaio in seguito alla contestazione di guida in stato di ebbrezza.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136