QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad


Ad
Ad

Un progetto con la Svizzera per valorizzare l’alimentare del Trentino

venerdì, 26 giugno 2015

Rovereto – Il seminario di Trentino Sviluppo inaugura un progetto che coinvolge una decina di imprese. Con la Svizzera al via un percorso per valorizzare l’alimentare del Trentino.Seminario Svizzera2

La Svizzera? Mercato difficile ma molto interessante. Il quarto più importante, per l’esportazione di prodotti alimentari italiani, dopo Germania, Stati Uniti e Francia. Un’opportunità anche per le aziende trentine, come è emerso dalla tavola rotonda tenutasi presso il Polo Tecnologico di Rovereto. Un incontro operativo, organizzato da Trentino Sviluppo, durante il quale una decina di aziende selezionate si sono confrontate con un importatore, un trasportatore ed un esperto di mercato alimentare.

I punti di forza del mercato svizzero sono il forte potere d’acquisto, la vicinanza geografica e l’attenzione verso i prodotti italiani. Tra i fattori che hanno invece rallentato gli scambi commerciali la caduta di valore del franco svizzero nei confronti dell’euro. Questo primo incontro segna l’avvia di un percorso che nei prossimi mesi vedrà Trentino Sviluppo organizzare delle azioni specifiche per le aziende del settore con l’obiettivo di favorirne l’incontro con potenziali partner esteri. In cantiere anche alcune azioni promozionali, tra cui la partecipazione collettiva ad una delle principali fiere di settore o l’organizzazione di testing presso punti vendita della grande distribuzione.

Un po’ di “teoria” ma soprattutto molta pratica e tanta esperienza concreta, maturata sul campo in anni di traffici commerciali con la Svizzera. Non poteva essere altrimenti visto che all’incontro organizzato dall’Area Commercializzazione, Internazionalizzazione e Attrazione di Trentino Sviluppo sono stati invitati un importatore, un trasportatore ed un esperto di mercato alimentare svizzero. Attorno al tavolo anche una decina di aziende trentine di eccellenza, rappresentanti dei principali prodotti ambasciatrici del gusto e dei valori trentini, per discutere assieme delle possibilità di mercato e delle migliori strategie commerciali.

Gli imprenditori trentini – operanti nei settori della lavorazione della carne, del latte, del pesce e di prodotti derivati dalla mela, oltre ad aziende che commercializzano prodotti per l’industria alberghiera e per negozi specializzati – hanno potuto beneficiare di un approfondimento settoriale e individuale volto a conoscere nel dettaglio dazi, regimi Iva, restrizioni ma soprattutto diversi accorgimenti pratici per avere successo nel mercato.
Tra i canali di vendita consigliati ci sono le catene della grande distribuzione, i negozi specializzati, il retail attraverso i quali raggiungere anche i piccoli negozi e i privati. Importante è trovare un buon partner commerciale con cui condividere azioni promozionali, procedure e spedizione. Molta attenzione va inoltre dedicata alla puntualità nelle consegne e al mantenimento degli accordi presi. La puntualità svizzera, insomma, non è solo un luogo comune.

Per il resto il mercato svizzero rimane tra i più interessanti a livello europeo, con un prodotto interno lordo in costante crescita ed esportazioni italiane per il settore alimentare pari a circa 1 miliardo di euro, valore molto alto considerata la piccola dimensione di quel mercato.

 

 

 


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136