QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad

Ad

Ad
Ad

Ad
Ad

Ad

Tutti i favoriti per i Campionati Mondiali di 4X e le finali di Coppa del Mondo di DHI e XCO nella Val di Sole Bikeland

mercoledì, 23 agosto 2017

Commezzadura – Di seguito presentazione e favoriti per i Campionati Mondiali di 4X e le finali di Coppa del Mondo di DHI e XCO nella Val di Sole Bikeland.

CHI VINCERÀ LA COPPA DEL MONDO DOWNHILL: TUTTI I FAVORITI PER LE FINALI MONDIALI IN VAL DI SOLE BIKELAND

Le gare di discesa in programma sabato 26 agosto saranno decisive per l’assegnazione del titolo, infatti sia in campo maschile sia in quello femminile le sorti non sono ancora decise con la lunga stagione di gare che attende una conclusione drammatica sullo sfidante tracciato di Commezzadura, in Val di Sole.

Picchi infiniti di adrenalina sono attesi a Commezzadura per le finali di World Cup DH in cui i grandi protagonisti della disciplina si daranno battaglia su una delle piste più iconiche e apprezzate del panorama mondiale, la Black Snake.

In campo Elite Women, nel 2017 si è assistito a una stagione caratterizzata dai colpi di scena e da un’incertezza generale. Infatti, l’infortunio della campionessa britannica Rachel Atherton, vincitrice di Mondiale e Coppa del Mondo 2016 e autrice di un record di vittorie consecutive difficilmente battibile, alla tappa di Fort William l’ha messa presto fuori dai giochi. Ha saltato il round seguente di Leogang accelerando il recupero per tornare in gara, con risultati altalenanti: quarta a Vallnord, seconda a Lenzerheide, e quinta alla penultima tappa di Mont-Sainte Anne. Così ha lasciato campo libero alle sue avversarie, che finalmente hanno potuto lottare per la vittoria, di tappa e della generale di Coppa. Le prime atlete in classifica sono separate da soli 146 punti, così le finali di World Cup DH della Val di Sole assumono ancora più importanza diventando decisive per la conquista del titolo. La francese Myriam Nicole guida con 1.190 punti avendo sfruttato nel migliore dei modi l’assenza di Rachel Atherton: è sempre finita sul podio, con due vittorie, altrettanti secondi posti, e una terza posizione. Non bisogna sottovalutare l’australiana Tracey Hannah, attualmente seconda a 110 punti dalla vetta, ma soprattutto la britannica Tahnée Seagrave, vincitrice di due gare tra cui l’ultimo round sulla sfidante pista canadese di Mont-Sainte Anne. Ma non bisogna dimenticare che la Atherton vuole chiudere nel migliore dei modi una stagione finora deludente, correndo su una pista che l’ha vista trionfare più volte, e dove si è laureata Campionessa del Mondo per due volte (2008 e 2016). La speranza italiana è rappresentata dall’atleta trentina Eleonora Farina, la cui stagione in crescendo potrebbe chiudersi con un ingresso nella top 5 proprio nel round di casa.

Tra gli Elite Men, i giochi sono ancora più aperti. Infatti, i primi tre in classifica generale sono separati da soli 77! Questa è stata finora una stagione apertissima, con clamorose uscite di scena causate da guasti meccanici o cadute. Non bisogna dimenticare anche il tema tecnico che ha raccolto l’attenzione di addetti ai lavori e appassionati durante le prime gare: l’introduzione delle ruote da 29” da parte del team Santa Cruz Syndicate e la sperimentazione di altre squadre rivali.

L’eterno sudafricano Greg Minnaar, uno degli atleti più vincenti nella storia della downhill, guida attualmente con 932 punti, frutto di ottimi risultati alternati a gare deludenti, come l’apertura a Lourdes e l’ultima tappa a Mont-Sainte Anne (rispettivamente 42° e squalificato). Le due vittorie nel Regno Unito e in Svizzera, unite al 3° posto in Austria e al 2° ad Andorra gli permettono di godere di vantaggio risicato – soli 33 punti – sul secondo in classifica, l’agguerritissimo Aaron Gwin. Lo statunitense ha mostrato di che pasta è fatto in Canada, vincendo sotto il diluvio, oltre ad avere il dente avvelenato per la mancata vittoria a Lenzerheide, persa per un guasto meccanico nel finale quando aveva fatto sempre segnare i migliori intertempi. Il terzo incomodo è l’australiano Troy Brosnan, che dopo il cambio di bici e team ha condotto una stagione regolare, finendo sempre a podio – a parte la tappa iniziale di Lourdes – e vincendo a Vallnord. La vera incognita è il britannico Danny Hart, uno dei discesisti più spettacolari del circuito, capace sempre di stupire, come l’anno scorso in Val di Sole quando si è laureato Campione del Mondo. Pur essendo ormai tagliato fuori dalla generale di Coppa, sta finendo in crescendo la stagione e la Black Snake è da sempre tra le sue piste favorite.

Tra gli Junior, in campo maschile il canadese Finnley Iles arriva in Val di Sole con la Coppa in tasca puntando in un risultato prestigioso su un tracciato che l’ha già visto laurearsi Campione del Mondo nel 2016. Tra le ragazze la situazione è analoga con la francese Melanie Chappaz vincitrice della World Cup DH Junior ma in cerca del riscatto dopo il risultato deludente ai Mondiali dello scorso anno quando fu la bolzanina Alessia Missiaggia a vincere a sorpresa.

CHI VINCERÀ I CAMPIONATI DEL MONDO 4X: TUTTI I FAVORITI PER LE COMPETIZIONI MASCHILE E FEMMINILE IN VAL DI SOLE BIKELAND

Le cose inizieranno a farsi serie giovedì 24 agosto quando, dalle 20.30, partiranno le qualifiche svolte con il sistema di run singole cronometrate. Le finali invece si terranno venerdì sera dalle 20 e 45.

Sono 100 gli atleti più forti da tutto il mondo iscritti ai Campionati Mondiali 4X della Val di Sole. Gli specialisti del Four Cross si sfideranno sullo spettacolare percorso di Daolasa in una gara combattuta fino all’ultimo salto, compresi quelli della famosa e temuta la Pro Line composta da 3 doppi veramente lunghi ed insidiosi.

Nella competizione maschile, i più accreditati contendenti al podio sono il ceco Tomas Slavik, il dominatore del circuito 4X Pro Tour 2016 e attuale secondo nella classifica 2017, uscito malamente in semifinale ai Mondiali 2016 della Val di Sole.

Non bisogna dimenticare il campione uscente, lo sloveno Mitja Ergaver, e il britannico Luke Cryer, attuale leader del ranking UCI e già due volte medaglia di bronzo alle ultime due edizioni della rassegna iridata, sempre corsa sulla scenografica pista di Daolasa.

Come possibili outsider troviamo l’eterno britannico Scott Beaumont, attualmente 4° nel circuito 4X Pro Tour, il promettente neocampione italiano Giacomo Fantoni, e il francese Sylvain André, grande specialista del BMX dove occupa la seconda posizione del ranking mondiale UCI. Quest’anno sembra proprio che alcuni dei più forti atleti della BMX Race abbiano messo nel mirino i Mondiali Four Cross della Val di Sole.

Infatti in campo femminile, la naturale favorita è ancora la campionessa mondiale 2016, l’australiana Caroline Buchanan, che non manca mai all’appuntamento iridato nonostante si dedichi a tempo pieno alla BMX. Altre contendenti per il podio sono l’attuale capoclassifica del 4X Pro Tour, la britannica Natasha Bradley, e la dominatrice della massima serie mondiale dedicata alla specialità nel 2015 e nel 2016, la ceca Romana Labounkova, che vuole rifarsi della medaglia di legno dell’anno scorso. Una possibile outsider arriva ancora dal mondo della BMX, la campionessa nazionale tedesca 2017 Nadja Pries.

I rider qualificati per le finali maschile e femminile – rispettivamente 32 e 16 – competono quattro alla volta, scendendo insieme su un percorso insidioso e sinuoso. Solo i primi due di ogni batteria passano al turno successivo, con un tabellone di tipo tennistico che, eliminatoria dopo eliminatoria, porta gradualmente sino alle finali in cui, i quattro four-crosser rimasti, affronteranno la lotta finale per la conquista della maglia iridata.

TUTTI I FAVORITI PER LE FINALI MONDIALI DI CROSS COUNTRY IN VAL DI SOLE BIKELAND

Le competizioni in programma domenica 27 agosto saranno una formalità essendo già stati assegnati i titoli maschile e femminile ma non per questo le gare sul tracciato aggiornato di Commezzadura mancheranno di fascino. Molti i nostri portacolori in condizione di lasciare il segno, soprattutto nelle categorie giovanili.

I campioni del cross country saranno i protagonisti assoluti della giornata conclusiva delle finali di Coppa del Mondo, tutti alla ricerca dell’ultimo acuto stagionale tra le Dolomiti di Brenta, a Commezzadura.

Tra gli Elite Men i giochi sono fatti dopo che Nino Schurter ha fatto l’en plein, vincendo a Mont-Sainte Anne la quinta tappa di World Cup XCO su cinque. È stata una stagione fenomenale per il talento svizzero, favorito anche dall’infortunio a inizio anno del rivale di sempre, l’eterno francese Julien Absalon. Al suo rientro in Canada non è apparso in particolare forma, chiudendo attardato in 13^ posizione, ma conoscendo il campione transalpino ci si aspetta una sua zampata alla tappa conclusiva di Coppa e soprattutto ai Mondiali australiani in programma due settimane dopo. Gli avversari di Schurter sono stati molti nel corso della stagione ma nessuno è stato in grado di impensierirlo veramente. La pattuglia francese è quella più accreditata, con Maxime Marotte e Stephane Tempier che appaiono i contendenti più temibili, dopo aver chiuso rispettivamente 5° e 2° a Mont-Saint Anne. Le speranze azzurre sono tutte riposte in un arrembante Gerhard Kerschbaumer: l’altoatesino sembra essere tornato finalmente in palla dopo la conquista del titolo tricolore e il finale in crescendo in World Cup XCO, con il prestigiosissimo terzo posto agguantato in Canada.

In campo femminile la situazione è più incerta nonostante l’ucraina Yana Belomoina si sia assicurata la conquista della Coppa di specialità con la vittoria all’ultima tappa in Canada. In Val di Sole si attende il rientro del forte duo del team Kross, Jolanda Neff e Maja Włoszczowska, che hanno saltato il round precedente per infortunio. Un’altra possibile protagonista è la svedese Jenny Rissveds che, dopo la grande stagione 2016, punta a ritornare protagonista dopo aver saltato la prima parte di World Cup XCO. Una delle atlete più vincenti di sempre, la francese Pauline Ferrand Prevot, sembra la più accreditata rivale della Belomoina, con un crescendo di forma che potrebbe culminare proprio con le finali di Coppa in Val di Sole prima dei Mondiali di inizio settembre.

Le grandi speranze azzurre sono nelle categorie Under23. In quella maschile il duo composto dal valtellinese Gioele Bertolini e dal friulano Nadir Colledani – rispettivamente primo e secondo agli Europei XCO – potrebbe fare faville sul percorso di Commezzadura, dove potrebbe ripetersi questa entusiasmante doppietta. In campo femminile attendiamo un acuto dalla bergamasca Chiara Teocchi e dalla valdostana Martina Berta, che potrebbero chiudere con un podio di prestigio sul suolo amico la lunga stagione di Coppa 2017.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136