QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Trentino, Azienda sanitaria: la Provincia assegna uno dei migliori punteggi degli ultimi anni a Luciano Flor

martedì, 28 aprile 2015

Trento –  È di 81,7 su un massimo di 100, il punteggio assegnato dalla Giunta provinciale all’Azienda sanitaria, uno dei migliori negli ultimi anni. Da questa valutazione complessiva finale, riferita all’esercizio 2013, si determina la quota aggiuntiva della retribuzione da assegnare al direttore generale dell’Apss. La valutazione è basata sul raggiungimento degli obiettivi annuali assegnati in base alla legge provinciale sulla tutela della salute.

La legge provinciale 16/2010 “Tutela della salute in provincia di Trento”, prevede che la Giunta proFlor sanità trentovinciale stabilisca i criteri e le modalità per la valutazione dell’attività del direttore generale, Luciano Flor (nella foto) con riferimento agli obiettivi assegnati e alla qualità complessiva dell’offerta assistenziale assicurata dall’Apss. In base al conseguimento degli obiettivi viene fissata la quota variabile del compenso del management aziendale.

Nel 2013 la Giunta ha assegnato all’Azienda sanitaria 15 obiettivi specifici, riguardanti la mobilità sanitaria, la stesura di un Piano di miglioramento aziendale, l’assistenza ospedaliera (attraverso la valutazione di alcuni indicatori oggettivi), l’assistenza territoriale e l’integrazione sociosanitaria, la prevenzione. Per il conseguimento di ciascuno di questi obiettivi era previsto un punteggio, per un totale di 52. In base alla valutazione della delibera approvata oggi il punteggio conseguito dall’Azienda è stato di 38,7.

Con la stessa delibera sono anche stati assegnati degli obiettivi in tema di contenimento dei tempi di attesa di alcune prestazioni sanitarie (come la visita oculistica non in regime di urgenza o l’intervento alla prostata) per un totale di 8 punti. L’Azienda sanitaria ha ottenuto 3 punti.
Infine, in base ai criteri fissati dalla Giunta nel 2013, 40 punti erano di competenza della Giunta ed in particolare dell’assessore alla sanità e welfare nel periodo di riferimento, che li ha assegnati tutti. Su un totale di 100 punti a disposizione, l’Azienda provinciale per i servizi sanitari ha ottenuto un punteggio di 81,7. Quindi il management aziendale otterrà l’81,7% della quota variabile prevista.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136