QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad

Ad
Ad
Ad


Trento: arrestata Luisa Zappini, accusata di truffa e peculato

giovedì, 5 aprile 2018

Trento – E’ stata arrestata Luisa Zappini, dirigente provinciale ed ex responsabile del Numero Unico 112. L’accusa è truffa e peculato, perché avrebbe utilizzato i permessi dell a legge 104 per andare in vacanza e usato l’auto di servizio a fini personali. L’indagine scattata a gennaio con l’ipotesi di aver usufruito permessi della legge 104 per assistere un familiare in difficoltà per andare in vacanza.Luisa Zappini

Poiché con l’auto di servizio sarebbe andata in luoghi diversi da quelli dichiarati, l’accusa ipotesi della procura parla di truffa e peculato. Su richiesta del Pm Marco Gallina e firmata dal Gip Claudia Miori, all’ex dirigente del Numero Unico 112 è stata notificata l’ordinanza di custodia cautelare domiciliare. Ben quaranta i comportamenti illeciti contestati, tra essi l’abuso dei permessi previsti dalla legge 104 con tanto di viaggio alle Maldive nel periodo richiesto e l’uso dell’autovettura di servizio per spostamenti privati anche fuori provincia e non nell’orario di servizio. E’ accaduto che la dirigente provinciale durante uno dei permessi richiesti per assistere al familiare malato si trovasse alle Maldive. Luisa Zappini (nella foto) è accusata del reato di peculato per aver utilizzato il mezzo di servizio per viaggi personali anche a Brescia e Verona. La misura cautelare dell’arresto ai domiciliare e’ stato disposta per evitare il rischio di reiterazione del reato e l’inquinamento di prove.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136