QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad

Ad

Ad
Ad

Ad
Ad

Ad

Trentino trasporti, la Trento-Malè-Marilleva arriverà a Mezzana: martedì partono i lavori

venerdì, 30 maggio 2014

Mezzana - Il 3 giugno Trentino trasporti S.p.A. darà avvio ai lavori di prolungamento della linea ferroviaria Trento – Malè – Marilleva per il tratto da Marilleva 900 a Mezzana.1262971035_D-5081-mezzana-benvenuti

Il progetto di prolungamento della ferrovia fino a Mezzana e poi ancora oltre fino a Fucine era già nei programmi dell’impero austroungarico ai primi del ‘900 all’epoca della costruzione della Ferrovia Trento Malè, ma si concretizzo solo fino a Malè; anche il progetto iniziale del prolungamento oltre Malè realizzato ed entrato in servizio nel 2003 prevedeva originariamente che il prolungamento della ferrovia da Malè arrivasse fin da subito fino Mezzana, progetto poi abbandonato per carenza di fondi e interrotto a Marilleva 900. Ora, dopo un lunghissimo e complesso iter tecnico amministrativo iniziato alla fine degli anni ’90, Trentino trasporti S.p.A. ha finalmente realizzato le condizioni per posare la prima pietra di questo importante intervento, secondo un tracciato condiviso con gli enti territoriali e soprattutto con il Comune di Mezzana.

Il progetto della nuova tratta ferroviaria di circa 1 km non interesserà tuttavia solo la ferrovia ma rientra in un contesto più ampio che riguarderà in generale la mobilità complessiva del territorio comunale di Mezzana, coinvolgendo la mobilità su ferro e su gomma pubblica e privata e quella ciclo-pedonale.

Sarà infatti realizzata una nuova bretella stradale di collegamento, di circa 1 km, tra la S.S. 42 e la S.P. 206 che costituirà il nuovo accesso a Marilleva 900. Verrà inoltre realizzato un nuovo collegamento pedonale tra la passeggiata esistente sulla sponda sinistra del Noce e l’abitato di Mezzana, collegato alla nuova stazione ferroviaria con una nuova passerella pedonale sul Noce. In adiacenza alla ferrovia sulla sponda destra del Noce verrà infine realizzata anche la nuova pista ciclabile che avrà anche funzione di pista arginale.

La nuova stazione di Mezzana, elemento caratterizzante dell’intervento, è un fabbricato che si svilupperà linearmente attorno all’asse della ferrovia. In tale manufatto sono previsti una serie di volumi con locali di servizio primario ai viaggiatori e una serie di locali a carattere tecnico e logistico. All’uscita della nuova stazione è prevista la creazione di un piazzale e parcheggio di interscambio gomma – ferro per mezzi pubblici e privati. La passerella pedonale sul Noce, oltre che permettere il collegamento pedonale con Mezzana, permette di completare l’intervento di riqualificazione dell’intero tratto fluviale e dare piena accessibilità alle due sponde del torrente Noce: quella in sinistra adibita a parco fluviale e quella in destra a pista ciclabile e arginale. Il progetto è stato sviluppato da un Raggruppamento di Società di Ingegneria costituite da Systra (Parigi), I.C. Srl (Trento), VIA Ingegneria (Roma), Systra-Sotecni (Roma), arch. Lozano Lalinde (Roma) e Geologia Applicata (Mezzocorona), Raggruppamento che curerà anche la Direzione Lavori con l’ing. Roberto Boller e il coordinamento della sicurezza con l’ing. Raffaele Ferrari.

L’appalto è stato aggiudicato al raggruppamento di imprese con Capogruppo Collini Lavori (Trento), B.T.D. (Imer) e Consorzio Lavoro Ambiente (Trento), per l’importo di euro 13.327.825,63 di cui euro 438.743,00 per oneri della sicurezza, con un ribasso del 15,022 % sull’importo a base di appalto.

Si prevede che l’opera possa essere completata entro la primavera – estate 2016, termine che risente inevitabilmente dei lunghi periodi invernali durante i quali non si potrà lavorare. Sono previste tuttavia alcune fasi intermedie ed in particolare l’apertura al traffico della nuova viabilità stradale di collegamento a Marilleva 900 che è prevista già durante l’inverno 2014-2015.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136