QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Trentino, scuola: i docenti supplenti saranno chiamati con un Sms

sabato, 24 agosto 2013

Trento - Gli insegnanti che, nel rispetto della graduatoria, saranno chiamati dagli istituti scolastici a coprire le supplenze saranno interpellati, a partire dal prossimo e ormai imminente anno scolastico, con un semplice SMS. Lo ha stabilito la Giunta provinciale con una delibera firmata dall’assessore all’istruzione Marta Dalmaso. “L’auspicio – spiega l’assessore Dalmaso – è quello di garantire la massima celerità nel reperimento degli aspiranti docenti e quindi la massima copertura del fabbisogno d’organico in tempo utile per l’inizio dell’anno scolastico”.268275_694728_esami_matu_12443946_medium

Con la deliberazione si completa, di fatto, l’iter di semplificazione delle procedure di assunzione a tempo determinato da parte degli istituti scolastici, al fine di garantire il regolare avvio dell’anno scolastico, già avviato nel 2012 con l’eliminazione dei telegrammi, e successivamente potenziato con le modifiche al “Regolamento concernente incarichi a tempo determinato e supplenze temporanee nelle istituzioni scolastiche provinciali a carattere statale” approvato dalla Giunta lo scorso 3 agosto.

In particolare è stata ridefinita l’intera procedura di chiamata dei docenti eliminando definitivamente l’uso del fonogramma, se non per alcuni casi eccezionali, oltrechè la differenziazione delle modalità di interpello a seconda della durata dell’incarico proposto.
Si è poi introdotta l’equiparazione del silenzio del docente a rinuncia espressa, in modo da consentire agli istituti scolastici il rapido scorrimento delle graduatorie.

La delibera prevede una unica modalità di interpello rappresentata dall’invio di SMS: gli istituti interpellano, nel rispetto dell’ordine di graduatoria gli aspiranti a supplenze tramite invio automatico di SMS il cui testo conterrà i seguenti dati:
- istituto scolastico proponente; tipo posto/classe di concorso, durata e tipo contratto; numero telefonico da contattare per confermare accettazione/rifiuto proposta;
- tutte le proposte di assunzione devono essere riscontrate (per accettazione o rinuncia) entro le ore 9 del giorno successivo all’invio tramite telefonata all’istituto proponente.
Il mancato riscontro alla proposta pervenuta via SMS entro i termini assegnati (le ore 9 del giorno successivo a quello di invio) equivale a rifiuto con conseguente scorrimento della graduatoria e applicazione delle correlate sanzioni al docente.

In via residuale l’uso del fonogramma rimarrà in vigore a garanzia degli aspiranti docenti che, nelle more dell’aggiornamento delle graduatorie di istituto, non avessero conferito/aggiornato il numero di telefonia mobile.
Il fonogramma tuttavia, a differenza degli anni precedenti, non distinguerà più tra le diverse proposte di assunzione e dovrà essere effettuato almeno due volte, di cui una nella fascia antimeridiana e una pomeridiana.
Si è poi previsto che l’accettazione della proposta dovrà essere immediata e, a norma delle novità introdotte con la modifica al regolamento, la sottoscrizione del contratto individuale di lavoro potrà anche avvenire immediatamente, già all’atto dell’accettazione, se possibile, fermo restando comunque che i contratti non potranno avere decorrenza anteriore alla data di inizio delle lezioni.
Sono stati poi ridotti i termini per l’assunzione in servizio, eguale a tutti gli incarichi, ovvero entro le 24 ore successive all’accettazione, salvo diverso termine eventualmente assegnato dal dirigente scolastico.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136