QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad

Ad

Ad
Ad

Ad
Ad

Ad

Trentino: incontro con i dirigenti scolastici

giovedì, 7 settembre 2017

Trento – “Ci siamo posti obiettivi molto sfidanti in questa legislatura sul mondo della scuola, come quelli del trilinguismo e della stablizzazione del corpo docente, obiettivi che stiamo raggiungendo tenendo conto anche delle criticità che ci avete evidenziato, nell’ambito di un proficuo e sempre costruttivo rapporto di collaborazione”. tnQueste le parole del presidente e assessore all’istruzione Ugo Rossi che in vista dell’inizio del nuovo anno scolastico ha incontrato in Provincia i dirigenti delle scuole trentine.

“Abbiamo ricevuto i vostri stimoli – ha detto Rossi – e li abbiamo messi a fattor comune e stiamo lavorando per rafforzare il dialogo fra di voi ed il Dipartimento della Conoscenza, in modo da renderlo più efficace, attraverso un’organizzazione più strutturata e continuativa. Vi invitiamo, ovviamente, a continuare a stimolarci con i vostri suggerimenti, anche in vista dei passaggi sulla valutazione degli insegnanti e sul rinnovo contrattuale, per il quale noi siamo pronti, ma stiamo attendendo che le procedure ministeriali facciano il loro corso”. “Sull’obiettivo del trilinguismo, – ha aggiunto il presidente – proprio grazie alle vostre sollecitazioni, abbiamo immesso nella realizzazione del percorso elementi di maggiore flessibilità. Abbiamo lavorato bene anche nel campo della transizione al lavoro, dove riscontro, sia da parte delle famiglie che delle imprese, giudizi positivi. Due infine le raccomandazioni che il presidente ha voluto porre ai dirigenti scolastici. Una legata al tema dei nuovi mezzi di comunicazione, sempre più utilizzati dai ragazzi, come i social network. “Dobbiamo provare a comunicare sul loro terreno – ha detto Rossi – per fargli capire che questi nuovi strumenti possono essere pericolosi se usati in maniera distorta”. Altra input lanciato dal presidente, quello di far crescere fra i giovani studenti la consapevolezza di vivere in un territorio culturalmente ed istituzionalmente “speciale” dotato di una forte autonomia. “Si tratta di un obiettivo previsto dalla revisione della legge scolastica provinciale, che prevede l’inserimento nei piani di istituto, in piena autonomia da parte delle scuole, di percorsi didattici che possano portare a rafforzare il senso di appartenenza alla nostra comunità”. “Nell’augurarvi un buon anno scolastico – ha concluso Rossi – vi rinnovo l’invito a far sentire la vostra voce ed i vostri preziosi suggerimenti che non mancheremo di tenere in considerazione”.

Dopo il saluto della dirigente generale del Dipartimento della Conoscenza, Livia Ferrario è intervenuto il direttore di Iprase Luciano Covi, che ha introdotto le relazioni di due esperti in materia di nuove tecnologie nella didattica e nella somministrazione di prove standardizzate: Rosa Bottino del CNR di Genova e Roberto Ricci responsabile nazionale delle prove Invalsi. Nell’introduzione Covi ha ricordato i dati di una ricerca svolta da Iprase su 2000 adolescenti, di questi il 95% è sistematicamente connesso ad internet, il 62% frequenta più volte al giorno un social network e il 20% è quasi sempre connesso.

L’incontro è servito anche come occasione per salutare e premiare tre dirigenti scolastici andati in pensione, Beatrice de Gerloni, Lorenzo Biasiori e Mario Turri.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136