QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Trentino, ecco la guest card: la tessera a beneficio del turista per tutta la mobilità provinciale

venerdì, 6 dicembre 2013

Trento - A partire dalla prossima primavera 2014 i titolari di Guest card (la cosiddetta Chip on Paper del turista) potranno viaggiare liberamente su tutto il territorio della provincia di Trento (per un periodo individuato entro il limite tecnico di validità massimo della carta, pari a 20 giorni dalla prima salita), sia sui servizi automobilisti che su quelli ferroviari del trasporto pubblico provinciale. Lo prevede la deliberazione di Mauro Gilmozzi, assessore ai trasporti, approvata oggi dalla Giunta provinciale e che prevede appunto integrazioni e modifiche al sistema tariffario dei trasporti della Provincia e che, inoltre, stabilsce la possibilità di utilizzare i servizi pubblici di linea da parte dei partecipanti all’Universiade invernale Trentino 2013: per loro sarà possibile la libera circolazione gratuita sui servizi di trasporto pubblico provinciali. Una decisione che riguarda atleti, accompagnatori e assistenti beneficiari di accredito per il periodo della manifestazione, dal 6 al 21 dicembre 2013. Dunque circa quattromila “utenti” Universiadi” (dagli atleti ai volontari) che testeranno direttamente (e gratuitamente) il sistema del trasporto trentino nei giorni della manifestazione.val-di-pejo-4

Quale la novità sostanziale riguardo alla Guest Card? In pratica si vuole che il turista acquisisca in via onerosa (diretta o indiretta, nel senso che potrebbe essergli data al suo arrivo, ad esempio dall’albergatore) una card che gli consente poi la libera circolazione su tutti i mezzi di trasporto pubblico, treni compresi. Ad oggi infatti le card di valle a favore dei turisti sono prive di microchip e non consentono tracciatura né automatismi di rendicontazione del viaggiato: sfruttando il sistema di bigliettazione elettronica integrato su tutti i mezzi di trasporto dal 2009, ossia il sistema di lettura delle smart card, si è testata in questi mesi una carta a basso costo per il turista che renda disponibile, dalla data di primo utilizzo, l’accesso per un periodo definitivo di 1 o 3 o più giorni solari ai mezzi di trasporto su ferro e gomma, ai musei o siti autorizzati e ad altri servizi. Attualmente ai turisti e visitatori del Trentino vengono rilasciate dagli operatori turistici delle card cartacee che, tra le altre agevolazioni, consentono l’accesso gratuito ai servizi di trasporto pubblico.

Al momento di salire sui mezzi l’utente esibisce la card, a fronte della quale l’autista emette un biglietto a tariffa zero. Al termine della stagione turistica si procede quindi alla raccolta ed elaborazione dei dati relativi ai biglietti di questa tipologia in modo tale da permettere la rendicontazione agli operatori turistici emittenti, ai quali viene fatturato l’importo corrispondente con sconto del 30%. Si tratta, come è facile comprendere, di una modalità operativa che comporta un impegno in termini di attività di emissione e di rendicontazione all’ente che propone la card. Ora invece, introducendo una tessera simile alla smart card utilizzata dagli utenti locali, ma di tipo “usa e getta” e quindi a basso costo (chip on paper), è possibile per l’utente interagire con il sistema senza oneri di bigliettazione, con semplice validazione a bordo. Il sistema poi, in automatico, fornisce all’ente che ha rilasciato le card, il conteggio del valore del viaggiato da corrispondere, scontato del 30%, ai vettori.

Per quanto riguarda i titolari della Carta del turista si ribadisce che devono validare la tessera ad ogni salita a bordo del mezzo o presso la stazione ferroviaria nel caso di utilizzo di servizi ferroviari. La deliberazione stabilisce poi nel dettaglio le compensazioni a carico degli Enti emettitori a favore del gestore dei servizi automobilistici e ferroviari su rete provinciale.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136