QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad


Ad
Ad

Trentino: assegnati alle scuole finanziamenti per interventi a bisogni educativi speciali

lunedì, 20 ottobre 2014

Trento – La legge provinciale n. 5 del 2006 prevede che, al fine di garantire la piena partecipazione alle attività educative degli studenti con bisogni educativi speciali, le istituzioni scolastiche e formative possano curare l’assistenza organizzativa non solo tramite il proprio personale, ma anche attraverso convenzioni con soggetti privati accreditati. Sulla base del prospetto orario definito dal Servizio Infanzia e istruzione del primo grado, la Giunta ha approvato oggi un provvedimento, che stanzia poco più di 8 milioni di euro, per l’assistenza educativa a favore degli alunni BES nelle istituzioni scolastiche e formative provinciali per il triennio 2014- 2016.pejo lago palu

Il sistema scolastico provinciale prevede il finanziamento di servizi a favore di studenti con bisogni educativi speciali. La Giunta provinciale ha approvato, questa mattina, uno stanziamento di Euro 8.211.004, in favore delle istituzioni scolastiche e formative provinciali, per l’assistenza agli alunni con bisogni educativi speciali, per gli anni scolastici 2014-2015, 2015-2016 e per il periodo settembre-dicembre 2016.

Nel dettaglio le risorse finanziarie in favore di queste istituzioni scolastiche e formative ammontano a :
- Euro 4.744.309,75 per l’anno scolastico 2014-2015 (assegnazione definitiva)
- Euro1.213.336,80 per il periodo settembre–dicembre 2015 (assegnazione provvisoria)
- Euro 2.253.357,60 per i periodi gennaio – giugno 2016 e settembre – dicembre 2016 (assegnazione provvisoria)

Il provvedimento rimanda a successive deliberazioni le assegnazioni definitive delle risorse orarie e finanziarie per l’anno scolastico 2015 -2016 e per il periodo settembre – dicembre 2016, in base al quadro delle esigenze degli studenti con bisogni educativi speciali, definite all’inizio di ogni anno scolastico.

Gli interventi sono attuati da soggetti privati accreditati, con i quali le istituzioni stipulano apposite convenzioni e le risorse finanziarie vengono assegnate su base pluriennale (esercizi 2014-2016), al fine di assicurare continuità nell’assistenza agli studenti.

Un raffronto tra i dati disponibili evidenzia che nell’ultimo biennio (2013-2014 2014-2015) sono aumentate non solo le ore assegnate agli assistenti educatori in convenzione, passate dalle 4703 del 2013 alle 5442 del 2014, ma anche le assegnazioni di personale specializzato. Le assegnazioni di docenti di sostegno a favore di studenti certificati ai sensi della legge 104/92 negli istituti pubblici provinciali sono state di 573 unità per l’anno scolastico 2013-2014 e di 588 per l’anno scolastico 2014-2015. Nello stesso periodo di raffronto il numero dei facilitatori è passato da 75 unità del 2013-2014 alle 78 del 2014-2015. Infine, il numero degli assistenti educatori PAT è aumentato di un’unità, passando da 183 a 184, mentre quello degli assistenti educatori in convenzione è passato da 182 a 214 unità.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136