QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad


Ad
Ad

Terzo posto assoluto per gli Allievi trentini ai XX Giochi Internazionali dei Vigili del Fuoco Volontari

sabato, 25 luglio 2015

Trento – Splendido terzo posto degli Allievi trentini alla XX edizione dei Giochi Internazionali dei Vigili del Fuoco Volontari, che consegna all’Italia (la squadra trentina rappresentava ufficialmente i colori azzurri) una importante medaglia di bronzo, dietro Polonia ed Austria.vigili fuoco

Ma, soprattutto, mettendosi alle spalle nazioni come Federazione Russa, Repubblica Ceca, Germania tradizionalmente molto forti visto che possono contare su un bacino di centinaia di migliaia di allievi. Il risultato finale è la somma dei tempi riportati nelle due specialità principali svoltesi ieri, ossia la staffetta su pista, propriamente attività più afferente all’atletica, e la “manovra”, più connotante le tradizionali attività afferenti al mondo dei Vigili del Fuoco volontari. La staffetta è stata portata dunque a temine senza penalità in 63,34 secondi, la manovra in 39,89 secondi netti, anche questa senza penalità. Una grande soddisfazione per tutti i ragazzi della squadra olimpica, Andrea Failla (Cles), Jacopo Giordani (Molveno), Riccardo Marchetti (Villa Rendena), Filippo Pizzini (Ravina), Bryan Ponton (Mori), Luca Sansoni (Preore), Federico Spagolla (Borgo Valsugana), Martino Stenico (San Michele all’Adige), Luca Uez (Malè), Matteo Zeminian (Lavis).

«C’è grande soddisfazione per questo risultato – commenta il presidente della Federazione dei Corpi dei Vigili del fuoco volontari della provincia di Trento, Alberto Flaim – perché ottenuto su un significativo palcoscenico internazionale e perché gratifica i nostri ragazzi di un terzo posto che premia il loro impegno e il loro spirito di gruppo. È sicuramente motivo di orgoglio perché abbiamo rappresentato l’Italia e anche per tutto il mondo pompieristico trentino, che sa farsi valere non solo quotidianamente “sul campo” con la propria attività di prevenzione e soccorso, ma dimostra di essere una realtà a 360° capace di essere sempre competitiva e di valorizzare il grande patrimonio costituito da centinaia di allievi che un domani saranno il futuro di questo movimento di volontari».

Otto mesi di assiduo allenamento per i ragazzi trentini hanno preceduto questo impegno, sotto la guida dell’Ispettore Raffaele Miclet, e di tante persone che hanno collaborato fino a questo punto della preparazione, come i preparatori tecnici Giorgio Brendolise (Vignola Falesina), Tiziano Brunelli (Cles), Antonio Dalrì (Mezzolombardo), Domenico Oss Emer  (Vignola Falesina), i preparatori atletici: prof. Diego Bortolamedi, prof. Daniel Sansoni (Comano Terme), Claudio Franchini (Pelugo) ed dei giudici di gara Mauro Oberosler (Frassilongo), Corrado Paoli (Lavis).

 


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136