Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad

Ad
Ad
Ad


Tassullo: passaggio proprietà, nasce Miniera San Romedio srl

venerdì, 9 marzo 2018

Tassullo – Le gallerie della Tassullo Materiali Spa e i marchi di proprietà della Tassullo Spa, acquisiti dalla nuova compagine societaria guidata dalla COVI Costruzioni e altri sei membri della cordata. Con la firma tra le parti coinvolte, avvenuta ieri mattina in sede notarile a Trento, giunge al termine la complessa operazione di cessione dei rami d’azienda della Tassullo Materiali SpA, avviata nella primavera del 2016. Ad aggiudicarsi il pacchetto azionario a seguito di una gara pubblica d’appalto con un’offerta di 5 milioni e 945 mila euro, Miniera San Romedio Srl, una cordata partecipata da realtà locali: Covi Costruzioni Srl, maggiore azionista con il 46,15%, affiancata da Co.Beton Srl 15,39%, Isa SpA 7,69%, e Tassullo Investitori 30,77%, che raggruppa Misconel Srl, Elettrica Srl di Cesare Cattani, Gruppo Tama SpA, Lamtex Srl, oltre a due investitori privati locali, Franco Fellin per STP Srl, e la Roberto Fondriest.

Tassullo miniera

Il lotto acquisito include gli stabilimenti di Tassullo e Mollaro, le cave di Pozzelonghe e Bouzen, il 77% del capitale sociale della Tassullo Beton Srl, il 70% del capitale sociale della Hd System Srl, il 100% del capitale sociale della Ir srl. Nell’atto sono compresi anche i contratti con i dipendenti rimasti nella Tassullo Materiali, i marchi di proprietà di Tassullo SpA e il 60% del capitale della Cae.

Nella delicata operazione di passaggio sono intervenuti anche i sindacati – Sandra Ferrari, Fillea Cgil, Fabrizio Bignotti, Filca Cisl, Matteo Salvetti, Feneal Uil – che in Assemblea hanno approvato l’accordo, condizione necessaria per avere il via libera al passaggio di proprietà. Salvaguardati 39 lavoratori, di cui 1 dirigente, 17 impiegati, 21 operai.

Il Piano Industriale di Miniera San Romedio prevede investimenti nella ricerca e sviluppo di nuovi materiali per l’edilizia sostenibile, il rinnovo degli impianti produttivi, tutto supportato da una leadership tecnologica, flessibilità della struttura, team qualificati e qualità dei prodotti, naturali, fatti con materie prime selezionate e di origine controllata come la calce e la dolomia del Trentino, destinati all’edilizia sostenibile. La nuova proprietà dichiara che, compatibilmente all’andamento aziendale e del mercato, sono previsti investimenti stimati di circa 5 milioni di euro.

“Da subito intendiamo dare nuovo slancio alla ricerca sui materiali avviando dei progetti di ricerca interni e in collaborazione con le migliori università mettendo a disposizione importanti investimenti per la R&D – afferma Matteo Covi, presidente della nuova San Romedio Srl – Ci concentreremo sulla ripartenza basandoci su ciò che Tassullo ha sempre fatto, e bene, continuando a essere un punto di riferimento per il mercato. La sfida sarà il rilancio del marchio, ma partiremo prima ancora dal territorio, dai suoi valori, e dalle persone che hanno contribuito al know how secolare di Tassullo. Contiamo sulla fiducia della famiglia aziendale per portare avanti con serenità e forza la rinascita di questa azienda, auspicando ritorni in breve tempo ad essere portavoce e punto di riferimento del mercato in cui opera”.

Sicuramente un’operazione frutto degli sforzi e degli importantissimi investimenti di un gruppo coeso e unito, e di forte valore per la collettività, poiché vede l’assegnazione a un soggetto locale, evitando così la frammentazione o diversità di obiettivi che sarebbero potuti derivare da player nazionali interessati a sfruttare le sole cave senza voler proseguire l’attività industriale e quella in ipogeo, fiore all’occhiello riconosciuto in tutto il mondo.

Soddisfatti i nuovi amministratori, i dipendenti e le maestranze, per l’obiettivo raggiunto di mantenere una vendita unitaria dell’azienda e preservarne così il valore per la collettività e il territorio. Ora, pronti al rilancio con l’obiettivo di riportare Tassullo ai vertici europei.

LA NUOVA COMPAGINE “MINIERA SAN ROMEDIO” SRL 

Covi Costruzioni
Fondata nel 1957 nel paese di Segno da Franco Covi, Covi Costruzioni ha saputo unire la pratica artigiana che ha da sempre contraddistinto le valli trentine e lo spirito imprenditoriale di tre generazioni ampliando le proprie competenze e consolidando il proprio know how fino a gestire con successo opere di grande complessità e importanza, potendo contare su un team giovane, guidato da figure di grande esperienza.

ISA – Istituto Atesino di Sviluppo
L’Istituto Atesino di Sviluppo è una holding di partecipazioni che conta una cinquantina di partecipate in diversi settori con un patrimonio netto di € 155,4 mln e che opera da quasi 90 anni in Trentino Alto Adige e nei territori  limitrofi. Sostenitrice sin da subito dell’iniziativa di recupero della “Tassullo” per preservare l’interezza dei rami aziendali e mantenere il controllo della società sul territorio, partecipa anche agli sviluppi delle celle ipogee attraverso una partecipazione nel capitale sociale di CAE.

Cobeton srl
Impresa di betonaggio della Val di Non, nata nel 1920, è oggi guidata da Alfredo Gabardi, nipote del fondatore Luigi Zanette. L’azienda dispone oggi delle più moderne linee di produzione disponibili nel settore del preconfezionamento calcestruzzi ed è seriamente impegnata nello sviluppo delle prestazioni tecniche dei prodotti e nella politica della qualità  globale della propria organizzazione.

Elettrica srl
Costituita nel 1988, si è sviluppata nel tempo come impresa di costruzioni impianti tecnologici modernamente attrezzata e organizzata. Core business dell’azienda è l’energia, in particolare i sistemi che consentono di usufruire al meglio l’energia elettrica e non solo. Specializzata in installazioni e manutenzioni di impianti elettrici ed affini, dai siti di produzione quali centrali idroelettriche, campi fotovoltaici, linee di trasporto, stazioni di trasformazione, agli edifici di ogni genere, residenziali, ospedalieri, produttivi, commerciali, fino alla mobilità viaria.

Misconel srl
L’impresa Misconel vanta una lunga storia dalle profonde radici nel territorio trentino. Attualmente guidata dalla famiglia Misconel e presieduta da Giulio Misconel, consigliere di Miniera San Romedio, e presidente di ANCE Trento.
L’azienda occupa circa 100 dipendenti e copre a 360° i vari comparti di costruzione nell’edilizia, spaziando tra realizzazioni civili ed industriali, opere stradali e pavimentazioni, realizzazione di urbanizzazioni ed infrastrutture, bonifiche e servizi ambientali. Vanta un importante parco mezzi che ne fanno un leader nei settori dei movimenti terra e demolizioni. Dispone di impianti per la lavorazione degli inerti e produzione di calcestruzzi e conglomerati  bituminosi.

Roberto Fondriest
Impresa nata nel 1986 con sede a Cles (Trento), opera nel settore edilizia e si occupa prevalentemente di coibentazioni,
costruzioni a secco, pitture e verniciature civili e industriali. Costituita e guidata da Fondriest Roberto.

Lamtex snc
Azienda specializzata in lattonerie, coperture e facciate ventilate, è presente sul mercato dai primi anni ’70. Costituita inizialmente da Marco Covi, come ditta individuale artigiana, oggi è guidata dai figli Gianpiero e Cristian.

Franco Fellin, STP Srl
Franco Fellin amministratore di STP srl, società leader nella costruzione di edifici in legno. STP è un’azienda con staff  giovane ma che vanta già di grande esperienza nel settore legno. Negli anni l’azienda si è continuamente sviluppata al fine di migliorare il sistema costruttivo e trovare soluzioni sempre più efficienti ed efficaci.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136