QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad


Ad
Ad

Successo per la Coppa del Mondo mtb in Val di Sole: in 15mila per il trionfo di Aaron Gwin nella gara Downhill

sabato, 22 agosto 2015

Commezzadura (Al.Pa.) –  Giornata di emozioni in Val di Sole. Daolasa sta ospitando la penultima giornata della Coppa del Mondo di mountain bike. Nella gara di downhill femminile a trionfare è stata Rachel Atherton. In campo maschile la gara più attesa è conquistata da Aaron Gwin: lo statunitense vince la tappa finale di downhill e si porta a casa anche la Coppa del Mondo davanti a migliaia di persone.pubblico val di sole

Il dato ufficiale è di 15mila appassionati, un’enormità nell’impianto di Daolasa. Aaron Gwin conquista la sua terza Coppa del mondo. La Specialized Demo carbon invece alla sua prima con anche il 3° posto di Troy Brosnan che chiude il podio ed il discorso della vittoria a squadre che va allo Specialized Racing Team. Lo spettacolo in Val di Sole non è finito qui: domani il gran finale con l’Olympic Cross-Country con le gare di tutte le categorie dalle 9. Alle 9 protagonisti i ragazzi under 23, poi le donne Elite. Alle 14.15 il clou con la gara Elite maschile, per poi finire con le ragazze under 23 e il Closing Party alle 18.

Ordine d’arrivo
Coppa del Mondo UCI Mountain Bike

Val di Sole
Downhill – Men Elite

1 – Aaron Gwin 3:31.922
2 – Loic Bruni +1.589
3 – Troy Brosnan +1.854
4 – Brook Macdonald +3.293
5 – Josh Bryceland +4.405
6 – Gee Atherton +4.515
7 – Loris Vergier +5.386
8 – Mark Wallace +5.930

IL RACCONTO  DELLA GIORNATA
Aaron Gwin come Bode Miller, imbattibile sui tracciati supertecnici dove classe, coraggio e velocità fanno la differenza. Da campione il biker americano ha domato per la terza volta (3:31.922) la temibile pista Black Snake di Daolasa, nella splendida val di Sole e ha centrato la Terza Coppa del Mondo Downhill Uci davanti ad un pubblico di 15.000 super appassionati. E ancora una volta il paragone con Bode Miller regge, pensando alle folle che animavano il parterre nelle sue più spettacolari imprese sulle piste di discesa libera di sci. Quando alla premiazione un giornalista glielo ha fatto notare, ricordando che Bode si allenava sempre qui in Trentino, il simpatico yankee ha sfoderato un sorriso a 18 carati. podio maschile

In val di Sole nulla hanno potuto i suoi rivali, a cominciare dal francese Loic Bruni ancora una volta protagonista di una grande prova con linee grintose e molto pulite ma incapace di cogliere la tanto agognata prima vittoria di carriera. Troppo grande lo strapotere di Gwin per pensare di impensierirlo. Ha chiuso con un ritardo di 1”589. Terzo ha chiuso l’australiano Troy Brosnan (+1”854), miglior tempo venerdì nelle prove cronometrate ma incapace di tenere in gara il ritmo di Gwin e Bruni. E’ invece finito lontano (54/o a 16”449) il sudafricano Greg Minnaar, l’uomo con più vittorie in assoluto nella storia della downhill e protagonista sul supertracciato del Trentino di un errore nel tratto (The Wall) più tecnico della Black Snake, tracciato che non concede la minima distrazione. L’azzurro Gianluca Vernassa si è difeso con onore, chiudendo 27/o a 10”831.

Ma in val di Sole a far sventolare  a sventolare alto il Tricolore nel cielo azzurro è stato il ligure Loris Ravelli con la vittoria nella gara juniores. La prima per l’Italia dopo sette anni. Il diciassettenne di San Remo si conferma più che una promessa nel mondo della Downhill italiana. Campione italiano e settimo nel ranking di coppa del mondo, sempre negli Junior, sulla Black Snake sfodera la prova migliore della sua carriera. “Questo è il mio risultato più importante – commenta – e vincere in casa è sempre bello. Faccio gare da sei anni e questa vittoria rappresenta un sogno. Ora passo Elite e guardo con fiducia ai Mondiali del  prossimo anno qui in val di Sole. Ho vinto davanti al mio amico Walter Belli, giunto qui in Val di Sole dopo una lunga convalescenza”vincitrice

Tra le donne l’imperatrice della val di Sole manco a dirlo è l’inglese Rachel Atherton (4:08.636) puntuale all’appuntamento con la quarta vittoria sulla Black Snake (25/a complessiva) e con la quarta Coppa del Mondo generale, quest’anno ottenuta dominando tutte le sei tappe. Seconda nella Finale val di Sole 2015 è la francese Myriam Nicole (+2”239) e terza l’altra inglese campionessa mondiale in carica Manon Carpenter (+6”444). Splendida la prestazione delle azzurre e in particolare di Veronika Widmann. La biker altoatesina ha concluso settima a 18”459 con una gara d’attacco. Bene anche Eleonora Farina (11/a a 24”749) e Carina Cappellari (13/a a 29”285).

Domani ultima giornata delle Finali di Coppa del Mondo Mtb Uci val di Sole 2015. Di scena gli specialisti del Cross Country Olimpico in una piccola anteprima di Rio 2016. Tra i maschi si preannuncia l’ennesima sfida tra lo svizzero Nino Schurter e il francese Julien Absalon, che vale anche la Coppa assoluta. Per l’Italia occhio aMarco Aurelio Fontana, Andrea Tiberi, Gerhard Kerschbaumer. Tra le donne la reginetta è l’elvetica Jolanda Neff. Rivali la norvegese Gunn-Rita Dahle Flesiaa, la canadese Catharine Pendrel e la francese Pauline Ferrand Prevot. Tra le azzurre corre l’altoatesina Eva Lechner, che sette anni fa fu la madrina dei Mondiali Val di Sole 2008.

di Alberto Panzeri


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136