QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad


Ad
Ad

Spormaggiore: squarcia per cinque volte pneumatici della stessa auto. Pensionato denunciato dai carabinieri

martedì, 12 aprile 2016

Cles – Squarcia pneumatici della stessa auto per cinque volte, pensionato identificato e denunciato dai carabinieri della Compagnia di Cles (Trento).carabinieri cles1

Era la quinta volta che prendeva di mira l’utilitaria di proprietà di una donna romena residente in Spormaggiore (Trento). Nelle precedenti occasioni, senza lasciare tracce di sé, era sempre andato a segno riuscendo a squarciarne pneumatici. Impunito, avrebbe ripetuto il suo gesto vile per chissà quante altre volte se un uomo, qualche giorno fa, attirato dal fragore dell’esplosione del copertone, non l’avesse notato, quindi seguito per qualche metro fino a vederlo salire a bordo di un’autovettura. Del veicolo in questione aveva rilevato modello e segni distintivi ed annotato le prime due lettere della targa, dettagli sufficienti a dare una svolta alle indagini ovvero ad indirizzare i carabinieri della Compagnia di Cles verso il responsabile dei ripetuti delitti.

Il primo spiacevole evento si era verificato in una nottata dello scorso mese di novembre, in Spormaggiore. La donna aveva denunciato l’accaduto alla locale stazione dei carabinieri, senza tuttavia trovarne una seppur indicativa motivazione. I militari, nei giorni seguenti, avevano raccolto la testimonianza dei parenti della vittima (l’obiettivo poteva essere un familiare della proprietaria dell’auto, dubbio che ancora oggi non è stato chiarito), sentito le persone domiciliate nelle abitazioni più vicine al punto in cui la vettura si trovava parcheggiata, visionato le registrazioni di alcuni sistemi di video-sorveglianza. Tutto senza raccogliere un minimo indizio. Di sicuro ad agire non era stato uno scriteriato: altre macchine erano parcheggiate nello stesso slargo e, se così fosse stato, i loro pneumatici avrebbero dovuto subire un’analoga sorte. La certezza che si fosse trattato di un’azione mirata la si era avuta neanche un mese dopo: il 12 dicembre, sempre di notte, ai nuovi pneumatici era toccata la stessa sorte dei precedenti. Squarciati con una lama affilata. Una nuova denuncia al locale comando dell’Arma e ancora nessun sospetto da segnalare e nessuno spunto dalle investigazioni.

Il consiglio di parcheggiare il veicolo in zona video-sorvegliata aveva sortito le attese conseguenze ed al tempo stesso indirizzato (meglio, confermato) i sospetti degli investigatori verso una persona del posto, conosciuta da loro come pure dalla vittima. La storia non si era però conclusa perché, il 26 febbraio, il 26 marzo ed il 6 aprile, il fatto si era ripetuto. Queste volte, però, il vandalo aveva agito in San Michele all’Adige, località dove l’utilizzatrice dell’auto lavora. Lo aveva fatto in pieno giorno, incurante quindi di poter essere visto e riconosciuto. Era un abitante di Spormaggiore.

Tale supposizione è diventata una certezza il 6 aprile scorso. Come detto, il rumore generato dall’esplosione del primo pneumatico ha finito per attirare l’attenzione di un passante e posto fine a quello che per un’intera famiglia era diventato un vero e proprio incubo e per gli inquirenti un grattacapo di non semplice soluzione (il timore che il malfattore potesse “alzare il tiro”, in casi del genere, non è infondato). Il parziale della targa ed alcune evidenti ammaccature sulla fiancata del veicolo, oltre naturalmente alla descrizione che il testimone è riuscito a dare dell’uomo, hanno permesso ai carabinieri, in questo caso piuttosto semplicemente, di “chiudere il cerchio” e di identificare con assoluta certezza in un pensionato di Spormaggiore il responsabile del danneggiamento.

L’uomo, convocato in caserma, ha ammesso le proprie responsabilità e consegnato il coltello usato per lacerare i pneumatici. Restano da chiarire le ragioni che lo hanno spinto a fare ciò che ha fatto, spiegate fin qui in una poco credibile ricerca di una sensazione di appagamento generata proprio dal suo incivile gesto.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136