QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad

Ad
Ad

Ad
Ad

Ad

Sicurezza in Trentino: plauso di Piffer, presidente dell’Associaizone Commercianti al dettaglio, alle forze dell’ordine

sabato, 25 giugno 2016

Trento - Dai commercianti il plauso alle forze dell’ordine. Piffer: “Il furto è un fatto traumatico, ma sapere che i responsabili non restano impuniti dà più fiducia alla categoria”.
Plauso, da parte del presidente dell’Associazione commercianti al dettaglio del Trentino Massimo Piffer, alle forze dell’ordine che hanno concluso nelle ultime settimane alcune operazioni che hanno consegPiffer 1nato alla giustizia i responsabili di diversi furti ai danni di aziende del territorio provinciale.

“Subire un furto – spiega il presidente Massimo Piffer – è sempre un evento traumatico, che deprime l’imprenditore anche da un punto di vista emotivo, oltre che naturalmente economico. Il danno nei confronti dell’impresa è enorme, anche a prescindere dall’entità del crimine: cala la fiducia degli imprenditori e crea un clima di insicurezza molto difficile da affrontare. Nelle ultime settimane abbiamo assistito ad una serie di furti che hanno preso di mira imprese della provincia. In un momento difficile per la ripresa economica del nostro territorio, la piaga dei furti è un ulteriore elemento di criticità che mette a rischio i bilanci delle imprese e delle molte famiglie che vivono grazie ad esse”.
“Per questo motivo – prosegue Piffer – vorrei ringraziare a nome dell’Associazione il lavoro svolto dalle forze dell’ordine, in particolare del capo della Squadra mobile di Trento, Salvatore Ascione, per aver condotto nelle ultime settimane una serie di operazioni che hanno assicurato alla giustizia i responsabili di furti perpetrati ai danni delle aziende. Indubbiamente il lavoro delle forze dell’ordine è prezioso e ci consente di lavorare con più fiducia e sicurezza. Grazie ancora, quindi, a tutti gli uomini e alle donne impegnate sia nell’attività di prevenzione della criminalità che in quella investigativa. Da parte nostra, a questi ringraziamenti vorrei aggiungere anche la nostra piena e completa disponibilità a collaborare in tutti i modi per contrastare il fenomeno dell’illegalità e della criminalità nella nostra provincia”.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136