QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Progetto Leader e piano sviluppo rurale: in Trentino definita la divisione delle aree

martedì, 19 gennaio 2016

Trento – Primo incontro con l’assessore provinciale all’Agricoltura, Michele Dallapiccola, per discutere della misura 19 del Piano di sviluppo rurale 2014-2020. Per il programma Leader, in arrivo i bandi per la selezione dei GAL.

Riunione-Leader2- DallapiccolaIl Programma di Sviluppo Rurale è ormai entrato nella sua fase operativa. In particolare, il Leader è uno strumento, attuato con la misura 19 del PSR, finalizzato a promuovere progetti di sviluppo rurale, ideati e condivisi a livello locale atti a rivitalizzare il territorio, creare occupazione e migliorare le condizioni generali di vita delle aree rurali.

La Provincia Autonoma di Trento ha individuato due aree eleggibili a LEADER:
1) Area orientale, che include quattro Comunità di Valle: la Comunità di Primiero, la Comunità Valsugana e Tesino, la Comunità Alta Valsugana e Bersntol e la Magnifica Comunità degli Altopiani Cimbri, con l’indirizzo di destinare una quota anche alle Valli del Leno;
2) Area centrale, con le tre Comunità della Valle dei Laghi, della Rotaliana-Konigsberg e della Valle di Cembra.

Caratteristica peculiare di LEADER è l’approccio dal basso (“bottom up”) consistente nel stimolare le popolazioni locali ad individuare quali possono essere le strade da intraprendere per sviluppare il proprio territorio.

Soggetto attuatore dell’approccio Leader è il GAL (Gruppo di Azione Locale), un partenariato tra soggetti pubblici e privati che si fa carico della definizione delle strategie di intervento e della gestione delle attività da esse previste.

La Provincia sta quindi predisponendo il bando con l’obiettivo di selezionare attraverso la presentazione della domanda di adesione i due GAL – attuatori della Misura LEADER che opereranno per il periodo 2015-2020.

Al fine di favorire un confronto e un primo approfondimento con gli enti che sono gli interlocutori pubblici privilegiati per svolgere, a livello locale, le necessarie funzioni di aggregazione e stimolo per la elaborazione delle strategie di sviluppo, oggi si è tenuto un primo incontro al quale hanno partecipato oltre che i rappresentanti delle Comunità di valle e dei BIM coinvolti, l’assessore Michele Dallapiccola, Alberto Giacomoni dirigente del Servizio Politiche sviluppo rurale e Riccardo Molignoni responsabile dell’Ufficio supporto all’Autorità di gestione.

Nel corso dell’incontro, l’assessore provinciale Dallapiccola ha ribadito come il Leader rappresenti una grande opportunità: “Quale iniziativa di sviluppo locale di tipo partecipativo, Leader è un processo di sviluppo integrato concepito per coinvolgere, dotare di risorse e poteri adeguati le comunità locali affinché possano intraprendere lo sviluppo del proprio territorio”.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136