Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Ti invitiamo a leggere la nostra PRIVACY POLICY.
X
Ad

Ad
Ad
Ad


Pejo, i Forestali sugli sci tornano in pista: presenza confermata per il 14esimo anno consecutivo in Trentino

domenica, 18 dicembre 2016

Pejo – Per la prossima stagione invernale, che è la quattordicesima consecutiva, è stata riconfermata la richiesta di personale specializzato del Corpo Forestale del Trentino per lo svolgimento del servizio sulle piste da sci. Dopo la ricognizione effettuata dal Servizio Impianti a fune e piste da sci, è stato dunque confermato anche nella prossima stagione il Servizio piste del Corpo forestale provinciale (CFT), presso le seguenti aree sciistiche: Polsa-San Valentino, Peio, Panarotta, Passo Brocon e Bolbeno.soccorso trentino forestali piste sci

Le attività avranno inizio durante le vacanze natalizie (dal 24 dicembre al 6 gennaio prossimi) e proseguiranno fino a quasi conclusione della stagione invernale, per alcuni giorni la settimana (prevalentemente nei weekend), predefiniti con le società interessate.

Gli operatori del Corpo forestale che saranno impiegati sono 25 più il coordinatore, così distribuiti: 4 a Polsa-San Valentino, 6 a Peio, 4 a Panarotta e a Bolbeno e 3 al Passo Brocon. 4 operatori rimangono peraltro di supporto in caso di necessità.

Anche quest’anno il calendario del servizio per ogni stazione sciistica è stato già dettagliatamente definito prima dell’avvio del servizio stesso, così come gli aspetti operativi di dettaglio.

Le finalità del Servizio piste sulle 5 aree sciistiche sono le stesse delle passate stagioni: garantire una maggior sicurezza degli sciatori, mediante la prevenzione e repressione dei comportamenti scorretti, la tempestiva segnalazione ai gestori di eventuali criticità lungo le piste, l’accertamento ed il rilievo degli incidenti in pista. Ma anche divulgare le buone regole di comportamento e la conoscenza delle realtà territoriali montane e supportare i gestori degli impianti nell’attività di soccorso in pista.

Infine, tradizionalmente, il servizio si propone di svolgere una funzione di educazione ambientale. Resta peraltro fermo che l’attività ordinaria e strutturata di educazione ambientale invernale, da effettuare su terreno innevato oppure all’interno, qualora richiesta, verrà assicurata dal Corpo forestale con la collaborazione del restante personale forestale afferente alle strutture territorialmente competenti, compatibilmente con gli altri impegni istituzionali.

L’avvio del servizio è stato preceduto dalla formazione e dell’aggiornamento del personale, svolti in data 2, 5, 6 e 7 dicembre 2016, prevalentemente presso il Centro addestramento alpino della Polizia di Stato a Moena.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136