QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Orso in Val di Sole e bilancio cucciolate in Trentino. I primi dati

venerdì, 10 giugno 2016

Val di Sole – Sono almeno tre le cucciolate di orsi  rilevate nelle ultime settimane dalle Guardie Forestali. Infatti è stata segnalata la presenza di alcune cucciolate di orso, nelle zone di San Lorenzo in Banale (orsa con 3 piccoli) e del monte Bondone (orsa con 2 piccoli), mentre un’altra orsa con tre piccoli, rilevata la prima volta da cacciatori in Val di Sole, potrebbe anche essere la stessa le cui orme sulla neve erano state osservate già ad inizio mese sopra Carciato, in Comune di Dimaro Folgarida.

orso morto Val di Non 1

In censimento sulle cucciolate del 2016 sarà ultimato a breve. Da rilevare anche che nel corso dell’ultima settimana di maggio è stato segnalato il rinvenimento di una zampa di orso, nella zona di Montagne (Ragoli).

Visto il periodo dell’anno (piena fase degli amori) non si può escludere che i resti possano appartenere ad un orsetto ucciso da qualche maschio adulto interessato al ritorno in calore della madre, ma sia l’età ed identità dell’orso morto sia le cause rimangono a tutt’oggi un’ipotesi.

Non si sono registrate situazioni particolarmente problematiche durante tutto il mese e il numero di danni, soprattutto ad apiari, rimane sostanzialmente simile a quello registrato nello stesso periodo del 2015, dunque basso rispetto alla media degli ultimi anni.

Durante il mese di maggio ha anche preso avvio il monitoraggio genetico sistematico con punti di attrazione odorosa (78 siti) attrezzati con esche odorose, che durerà sino a fine luglio.

Pare purtroppo confermata l’ipotesi che l’orso trovato morto lo scorso marzo in bassa Val di Non sia stato avvelenato. Queste sarebbero le risultanze dell’esame tossicologico disposto dalla Procura di Trento. Se anche la volpe trovata morta nella stessa zona risultasse morta avvelenata, gli inquirenti cercheranno di individuare le persone che hanno messo i bocconi avvelenati.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136