QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad

Ad

Ad
Ad

Ad
Ad

Ad

Occupazione negli alberghi: i dati confermano una crescita in Trentino

giovedì, 3 aprile 2014

Vermiglio – I dati sull’occupazione alberghiera confermano una crescita anche in periodo di crisi. La ricerca si riferiscono alle strutture alberghiere del Trentino e derivano da un’indagine annuale ed universale condotta dal Servizio Statistica a partire dall’anno 1988 finalizzata alla rilevazione dell’occupazione mensile, suddivisa in titolari attivi, familiari e lavoratori dipendenti. Il report presenta i dati in serie storica e per ambito turistico, permettendo di valutare la dinamica del fenomeno e la sua rilevanza a livello territoriale.Pinzolo1

Nel 2012, gli occupati negli esercizi alberghieri sono 10.247, il 76% dei quali come dipendenti, in aumento di circa 100 unità rispetto all’anno precedente. Si osserva una tendenza in costante crescita, seppure contenuta. Gli ambiti turistici di maggiore impiego di personale negli esercizi alberghieri sono la valle di Fassa, il Garda trentino, la Val di Sole, Pejo e Rabbi, seguito dalla Val Rendena (nella foto Pinzolo)  che rispecchiano l’importanza delle presenze turistiche. I mesi di maggiore occupazione negli alberghi sono agosto (14.166 unità), luglio (13.792) e gennaio (12.502).


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136