QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad

Ad

Ad
Ad

Ad
Ad

Ad

Mtb World Cup, Val di Sole: Schurter imprendibile nella gara Elite. Trionfo di Neff: i risultati

domenica, 27 agosto 2017

Commezzadura – Uno straordinario Nino Schurter fa l’en plein conquistando il sesto round su sei prove di UCI WORLD CUP XCO 2017 tra gli elite maschile. Gli elvetici dominano anche nella prova femminile con Jolanda Neff.

Le due gare hanno chiuso il ricco programma delle gare di Coppa del mondo in Val di Sole e sancito il ritorno ai massimi livelli di due grandi campioni del Cross Country, entrambi vittime di un infortunio quest’anno: l’elvetica Neff prima tra le donne e il francese Julian Absalon terzo in campo maschile.

GARA FEMMINILE - Le competizioni XCO Elite sono iniziate con quella femminile, in cui hanno preso il via 70 atlete da 27 nazioni. Parte forte Jolanda Neff che completa il giro di lancio in testa davanti a Catharine Pendrel. Già alla fine della prima tornata le carte sono rimescolate: la seconda davanti di un soffio a terzetto composto da Gunn-Rita Dahle Flesjaa, Neff e Annika Langvad, campionessa del mondo Marathon 2017. Appena dietro passano Yana Belomoina e Irina Kalentieva. L’ucraina aspettava il secondo giro per giocare le sue carte, collocandosi in testa con la sola Neff che reggeva il suo ritmo, più distaccate la russa Kalentieva e la polacca Maja Wloszczowska, che rientrava fra le prime. Era una lotta appassionante con Belomoina più forte in salita e la Neff più veloce in discesa. Alla fine del terzo giro le prime cinque avevano fatto il vuoto, con la norvegese Dahle Flesjaa che perdeva il contatto nel corso della quarta tornata retrocedendo sino al settimo posto.

NEFF arrivo

Jolanda Neff (a lato nella foto @Alice Russolo) non ci stava e a partire dal penultimo giro era autrice di un forcing che spingeva la Belomoina a 19 secondi di distacco: impressionanti le ultime due tornate dell’elvetica, le più veloci della gara! Le immediate inseguitrici erano invece sempre più distanti, a oltre un minuto dalla vetta. La vittoria della Neff segna il suo grande ritorno sulla scena principale dopo l’infortunio di inizio stagione. Segue Belomoina a 21”, che si accontenta della seconda piazza. Il podio è completato dalla Wloszczowska a 1:09 che si sbarazza della Kalentieva (+1:20) all’ultimo giro, la danese Langvad ha chiuso invece quinta a 1:43. La canadese Pendrel, protagonista delle prime fasi di gara, finirà attardata in dodicesima posizione (+3:54). Il discorso UCI MTB World Cup XCO era già chiuso, con Yana Belomoina vincitrice con un round d’anticipo, seconda e terza Maja Wloszczowska e Annika Langvad.

GARA MASCHILE - La più attesa della giornata la gara maschile elite è scattata alle 14.45 con 86 atleti da 26 nazioni. Scatta forte Titouan Caroud che guida davanti a Nino Schurter e Manuel Fumic. L’ultimo era però vittima di un problema meccanico durante il primo giro, condotto in testa dall’elvetico davanti alla coppia transalpina composta da Caroud e Jordan Sarrou. Il primo giro vedeva il grande recupero del ceco Jaroslav Kuhlavy e del francese Stephane Tempier, passati rispettivamente in seconda e terza posizione provvisoria. Peccato per il nostro Gerhard Kerschbaumer, che per un problema meccanico alla ruota posteriore perdeva rapidamente posizioni sino alla 71^.

Nino Schurter 20

Al comando si formava una nuova coppia formata da Schurter (a lato nella foto @Alice Russolo all’arrivo) e da un arrembante Tempier, mentre Luca Braidot recuperava sino al 7° posto alla fine del secondo giro (dei sette previsti, più quello di lancio). Iniziava a delinearsi un duello tra Francia e Svizzera, complice anche la perdita di contatto di Kulhavy: tre atleti a testa nelle prime sei posizioni, con il grande recupero di Julien Absalon, uno dei più grandi interpreti della disciplina, sino alla terza piazza provvisoria. La gara non perdeva interesse con ben 11 atleti racchiusi in un minuto dopo quattro giri, rendendo le posizioni particolarmente fluide dalla terza in poi. La penultima tornata iniziava con la conferma del recupero di Kulhavy sino al 3° posto, tallonato da Absalon e a 46” dall’indiavolato duo di testa, e con il passaggio di Luca Braidot in 9^ posizione. L’ultimo giro era quello decisivo per i due duelli di vertice, anche se la pedalata da seduto del talento svizzero in risposta agli scatti in fuorisella del francese del team Bianchi Countervail faceva già presagire cosa sarebbe successo: Schurter allungava sull’ultima rampa prima della discesa finale chiudendo con un sicuro margine di 4” su Tempier. Il connazionale Absalon (+47) aveva invece la meglio di Kulhavy e dell’altro elvetico Lars Forster, giunti rispettivamente a 53 e 54 secondi. Ottimo risultato per un consistente Luca Braidot, novo a 1:49. La rincorsa di Gerhard Kerschbaumer si è invece fermata alla 40^ piazza a 4:58 dalla vetta. Con la vittoria in Val di Sole l’elvetico Nino Schurter consolida la leadership in Coppa, davanti al francese Stephane Tempier che all’ultimo round passa il connazionale Maxime Marotte, solo 17° in Val di Sole.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136