QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad

Ad
Ad
Ad

Ad

Mtb: Hart e Atherton dominano le prove del Mondiale DH Val di Sole, settima l’azzurra Farina

sabato, 10 settembre 2016

Commezzadura – La Gran Bretagna domina le prove della downhill iridata dei Mondiali Uci Mtb Val di Sole 2016. E’ Danny Hart (nella foto di Pierre Teyssot) a far segnare il miglior tempo in campo maschile. Lungo i 2.200 metri della pista Black Snake (partenza a 1.350 m di quota della stazione intermedia della telecabina Daolasa-Val Mastellina e arrivo a 810 m con un dislivello negativo di 540 metri) l’atleta del team MS Mondraker chiude con un crono di 3’35”603, confermando il suo straordinario stato di forma. Il suddito di sua maestà Britannica arriva in Val di Sole forte di una striscia di tre vittorie consecutive negli ultimi round di Coppa del Mondo e ribadisce il suo grande stato di forma. Precede di due secondi e 464 millesimi il francese Loic Bruni, campione del mondo in carica e uno dei favoriti di per il titolo iridato (3:38:067). Poi c’è spazio per le sorprese, come aveva anticipato il tracciatore Pippo Marani: il terzo e quarto tempo sono dell’altro francese Florent Payet (3:38:574) e del britannico Bernard Kerr (3:38:806). Entrambi figurano oltre il decimo posto nel ranking UCI.hart

Va detto che alcuni dei grandi favoriti della vigilia sembrano aver fatto pretattica, rallentando decisamente nel finale. E’ il caso dello statunitense Aaron Gwin, che ha dominato sulla Black Snake lo scorso anno. Il vincitore dell’UCI World Cup 2016 chiude con il sesto tempo staccato di più di cinque secondi (3:41:271). Stesso discorso per l’australiano Troy Brosnan, settimo crono di giornata (3:41:857). Il sudafricano Greg Minnaar, uno dei discesisti più titolati di sempre (18 successi in Coppa e tre titoli iridati), chiude invece la top ten con il tempo di 3:45:030.

Gli italiani finisco lontani. Il migliore è il ligure Francesco Colombo ( AB Devinci Italy) con il 21/o tempo e un distacco di 15”111. Più arretrati i compagni del team azzurro: Carlo Caire è 38/o (a 23”454) e Gianluca Vernassa 43/o (a 24”797). Mario Milani, Johannes Von Klebelsberg e l’atteso Loris Revelli (miglior juniores 2015) hanno chiuso rispettivamente al 71/o, 85/o e 109/o posto.

Domani si preannuncia una lotta all’ultimo decimo di secondo, con Gwin che punterà più deciso che mai alla conquista del sigillo che ancora gli manca, quello di campione del mondo. Sarebbe il quarto e prestigioso successo su una pista che ha già dimostrato di gradire, trionfando per ben tre volte nelle tappe di Coppa del 2011, 2012 e 2015.

In campo femminile nessuna sorpresa, con la regina della specialità, la britannica Rachel Atherton (team Trek Factory Racing), che ha siglato il miglior tempo in 4:20.191. Segue l’australiana Tracey Hannah a soli 596 millesimi. Un risicato divario che rende la competizione non così scontata come si poteva pensare. Infatti, Rachel Atherton viene da una stagione trionfale, con sette vittorie su sette tappe di World Cup DH. Segue la francese Myriam Nicole (+9”760) molto più staccata. Quarta e quinta le altre due britanniche, Manon Carpenter (+10”914) e Tanhée Seagrave (+12”596).

Molto bene le azzurre, inserite tra il settimo al nono con Eleonora Farina (+25”500, Veronika Widmann (+28”692) e Alia Marcellini (+35”497).

Buone notizie dagli Junior: in campo maschile Andrea Bianciotto ha fatto segnare il miglior tempo delle qualificazioni in 3:48:782, mentre in quello femminile Beatrice Migliorini è seconda con un crono di 5:57:076.

Il percorso di gara, creato dal mitico Pier Paolo “Pippo” Marani, si è rivelato ancora più massacrante e selettivo, a causa del profondo strato di polvere che obbliga gli atleti a una continua reinterpretazione delle traiettorie studiate in precedenza nella ricognizione a piedi e nelle prove libere. Domani la Black Snake della Val di Sole, la pista più impegnativa e tecnica al mondo, emetterà la sua inappellabile sentenza, assegnando i quattro titoli iridati nella downhill, disciplina regina del mountain bike gravity.

Programma
Domenica 11 settembre: 8.00-9.00 allenamento ufficiale Junior e Women Elite; 9.00-10.00 allenamento ufficiale Men Elite; 10.15 finali Women Junior e Men Junior; 12.40 finali Women Elite; 13.45 finali Men Elite


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136