QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

World Cup a Commezzadura, nel XCO terza si piazza Greta Weithaler

venerdì, 14 giugno 2013

Commezzadura- I primi risultati della Mountain Bike World Cup della Val di Sole nel cross country olimpicEmilie Colomb- Olga Terentohova e Gretaeiphaler 3 femminile dove Olga Terentyeva ha vinto la gara, battendo per 33” Emilie Collomb e terza si è piazzata Greta Weithaler. Intanto è arrivato il grande momento di Marco Aurelio Fontana all’UCI Mountain Bike World Cup della Val di Sole. L’atleta, bronzo olimpico a Londra 2012, è il nome più atteso della prova odierna di Cross Country, la specialità regina delle ruote grasse che sul rinnovato circuito di Daolasa che tra poco vedrà in gara tutte le stelle del panorama mondiale della disciplina. Gli avversari non mancheranno certo per il brianzolo, a cominciare dallo svizzero Nino Schurter, leader di Coppa e primo nel ranking UCI, all’australiano Daniel McConnell, oltre ovviamente al sempre temibile transalpino Julien Absalon.

Fontana alla vigilia ha confessato di puntare al colpo grosso, quindi i tifosi italiani sono già in fibrillazione sperando di assistere ad una nuova impresa della maglia tricolore. Anche la gara femminile promette spettacolo, con la svedese Alexandra Engen, già dominaMarco Aurelio Fontanatrice ieri nel nuovo Cross Country Eliminator, che parte con i favori del pronostico accanto alla leader di Coppa, la slovena Tanja Zakelj. Nel novero delle favorite va inserita giocoforza pure l’altoatesina Eva Lechner, vincitrice della prima prova di Coppa ad Albstadt e i Val di Sole con l’obiettivo di centrare il bis nella gara di casa. 

Il percorso della Val di Sole di presenta in ottime condizioni, con le varie novità che sono state apprezzate dagli atleti che in questi giorni hanno analizzato ogni dettaglio dei 4.158 metri dell’anello di Daolasa. Vero e proprio deus ex  machina dell’oliata macchina organizzativa trentina è Paolo De Bevilacqua, pioniere della mountain bike in Val di Sole. “In questi anni di esperienza – spiega De Bevilacqua – abbiamo sempre avuto un occhio di riguardo per i tracciati, seguendo sul campo tutte le tappe di Coppa del Mondo e altre gare importanti per carpire nuovi dettagli da inserire nel nostro percorso di Cross Country. Quest’anno abbiamo inserito la discesa tecnica che ci mancava, con l’anello che risulta più scorrevole, anche se rimane sempre uno dei più impegnativi della Coppa del Mondo”.  Il  programma odierno prevede le gare Under 23 (5 giri) e Junior (4) femminili, quindi lo start delle donne Élite (6), l’attesa gara maschile Élite (7 tornate) e la prova Under 23 maschile (6). Domani alle 9.30 sarà poi la volta degli Junior (5 giri). 

I fratelli Atherton mettono subito le cose in chiaro:chi domenica vorrà primeggiare nelle prove Downhill dell’Uci Mountain Bike World Cup della Val di Sole dovrà fare i conti con Gee e Rachel, i due fuoriclasse britannici che nelle qualificazioni hanno messo in riga tutti gli avversari. Il 28enne Gee, che sulle piste del Trentino si trova a proprio agio visto il titolo mondiale centrato nel 2008 e i tre terzi posti delle ultime tre prove di Coppa tenutesi a Daolasa, ha divorato la tGee aTERNONTemibile «Black Snake» in 3’15”475, precedendo di 1”362 lo statunitense Aaron Gwin, vincitore in Val di Sole nel 2011 e nel 2012 e quindi favorito d’obbligo. A completare il podio della prova di qualificazione di oggi pomeriggio, il canadese Steve Smith, che ha accumulato due secondi di ritardo, mentre tra le giovani leve da segnalare l’ottavo posto del transalpino Loic Bruni, classe ’94 attardato di 6”297. Primo degli italiani il 27enne valdostano Lorenzo Suding (20° a 10”028), mentre il 27enne lombardo Marco Milivinti ha chiuso 62° a 19”440: Suding e Milivinti saranno gli unici due azzurri in gara domenica, visto che gli altri hanno concluso oltre l’80° posto. 

La 25enne Rachel, già prima un anno fa a Daolasa, ha invece dominato in lungo e in largo le qualifiche femminili, chiudendo la prova in 3’51”866 e rifilando ben 6”188 alla francese Emmeline Ragot e 10”578 alla giovane britannica Manon Carpenter. L’unica italiana in gara, la 21enne emiliana Alia Marcellini, ha raggiunto la qualificazione (riservata alle prime 20) grazie al 17° tempo finale a 38”558 dalla Atherton. A completare la supremazia britannica, il miglior tempo centrato tra gli junior da Phil Atween, autore di un ottimo 3’28”095, di poco inferiore al 3’28”668 dello svizzero Noel Niederberger. Buona la prova degli italiani, con l’emiliano Simone Medici 7° a 8”885, il ligure Gianluca Vernassa 16° a 12”766 e il piemontese Francesco Colombo 21° a 17”204. Più attardati il lombardo Giovanni Pozzoni (40° a 30”302) e l’altoatesino Johannes Von Klebelsberg (69° a 1’33”330). Domattina i funamboli della Downhill avranno a disposizione ancora una sessione di prove cronometrate, prima di sfidarsi domenica nelle decisive finali. Piatto forte del programma di domani della Coppa del Mondo in Val di Sole sarà quindi il Cross Country, poi in serata spazio al 4x ProTour, lo spettacolare circuito mondiale che vede i rider sfidarsi in manche mozzafiato tra paraboliche e salto.

I-MRachel Antenord


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136