QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Melinda, la qualità parla molte lingue: il Consorzio di Cles a Mac Fruit Attraction per far crescere l’export

martedì, 10 maggio 2016

Cles – Anche Melinda era presente al Cairo la scorsa settimana in occasione della prima edizione di Mac Fruit Attraction, il circuito mondiale dedicato alla promozione del settore ortofrutticolo, per la prima volta presente nell’area nordafricana.Melinda_Cairo

Per questo Melinda, attenta al movimento del comparto melicolo internazionale, ha scelto di cogliere l’occasione per presidiare un mercato molto interessante – quello dei paesi della fascia nordafricana.

La quota di produzione di Melinda indirizzata al Nord Africa oggi è intono al 8,5-9%, e la presenza al Cairo, all’interno dello stand collettivo di Assomela, dimostra la volontà di consolidare i rapporti esistenti e raggiungere nuovi operatori.

L’obiettivo è aumentare la quota di produzione destinata ai mercati esteri, un trend comunque già in crescita costante da alcuni anni.

“La qualità superiore delle nostre mele è riconosciuta anche all’estero” – ha dichiarato Roberto Gorza Responsabile commerciale per il Nord Africa di Melinda “Nel corso degli ultimi anni il mercato estero è stato oggetto di particolare attenzione ed investimenti da parte di Melinda. Il risultato è stata una crescita costante della percentuale di produzione destinata al Mercato estero che è passata in 3 anni dal 12% al 25% circa di oggi. Oggi esportiamo molto bene nel vecchio continente e siamo presenti in oltre 46 Paesi nel mondo, ma prevediamo un’ulteriore crescita delle esportazioni, sia in termine di numero di destinazioni che in termini di quantità e di marginalità complessive. In tal senso il mercato Africano sarà sicuramente strategico.

Melinda ha investito negli ultimi anni oltre 90 milioni di euro per dotarsi di strutture che le consentano di servire tutti i Clienti esteri – attuali e potenziali – con i più alti standard di qualità di prodotto e di servizio e sta ora valutando prudentemente lo sviluppo di nuove partnership commerciali.”.

In Italia l’azienda trentina copre il 15% della produzione media annua di mele con circa 400.000 tonnellate (340.000 circa per consumo fresco). Conosciute da tutti sono le varietà Golden Delicious (70% della produzione totale), Red Delicious (10%), Renetta Canada (9%), – le uniche in Italia a Denominazione di Origine Protetta – Gala (5%), Fuji (6%) ed Evelina, l’ultima nata. Completano la produzione 2.000 tonnellate/anno circa di mele ottenute dall’applicazione del disciplinare di produzione biologica.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136