Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad

Ad
Ad

Ad


Maltempo, assegnate risorse ai parchi Adamello-Brenta e Paneveggio – Pale di San Martino

sabato, 4 maggio 2019

Ala – Prosegue l’azione di sostegno al territorio dopo l’eccezionale maltempo che lo ha colpito in autunno. Con due provvedimenti, che portano la firma del vice presidente e assessore all’ambiente, la Giunta provinciale ha deciso di assegnare 250.000 euro al Parco naturale Adamello-Brenta e 200.000 euro al Parco naturale Paneveggio – Pale di San Martino: serviranno per la manutenzione delle aree, per investimenti strutturali e infrastrutturali per ridurre il rischio idraulico ed idrogeologico e per aumentare la resistenza delle strutture e delle infrastrutture colpite dagli eccezionali eventi meteorologici dello scorso mese di ottobre.

Per l’anno in corso la Giunta provinciale aveva già assegnato, sempre per spese di investimento, 300mila euro al Parco Adamello-Brenta e 612mila euro al Parco Paneveggio – Pale di San Martino.

Alcuni dati sull’evento del 29 ottobre 2018, denominato “Tempesta Vaia”: si ritiene che sia stato il più pesante evento naturale che ha colpito le foreste del versante meridionale delle Alpi, dove si contano in totale 8,5 milioni di metri cubi di legname a terra. In Trentino sono stati colpiti 19.000 ettari di superficie forestale causando la caduta a terra di 3.300.000 metri cubi di alberi.

Si stima inoltre che in Trentino i sentieri interrotti, parzialmente o totalmente, siano oltre 400 per un totale di oltre 2.000 chilometri. Quelli più danneggiati si trovano nelle aree boscate e presentano piante schiantate che impediscono il passaggi agli escursionisti a piedi, a chi utilizza la mountain-bike, a chi fa scialpinismo, trekking, ippotrekking. Anche le aree protette sono quindi coinvolte nel lavoro di sistemazione e messa in sicurezza del territorio necessario per renderlo pienamente fruibile, anche in vista della prossima stagione estiva.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136