QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad


Ad
Ad

Malé: raduno delle donne alpiniste in Val di Sole. Il programma del 48esimo raduno del Realpiniste val di Solendez-vous Hates Montagnes

mercoledì, 27 luglio 2016

Malé – Raduno delle alpiniste in Val di Sole. Svelato il programma del 48esimo raduno del Rendez-vous Hates Montagnes che vedrà mercoledì 3 agsto la serata con Nives Meroi.

alpiniste val di Sole

La Val di Sole ospita, dal 31 luglio al 6 agosto, la 48esima edizione del raduno delle alpiniste, organizzato dall’associazione internazionale Rendez-vous Hautes Montagnes, nata nel 1968.

Il raduno porterà in Trentino una sessantina di alpiniste, provenienti, oltre che da tutta Italia, da paesi come l’Austria, la Germania, la Svizzera, la Repubblica Ceca, la Slovenia.

Ospite d’onore Nives Meroi, straordinaria alpinista che animerà un incontro pubblico mercoledì 3 agosto alle 21. Presentato l’evento, con l’assessora provinciale alle pari opportunità Sara Ferrari, un’altra grande alpinista, Silvia Metzelin, la vicepresidente dell’associazione Claudia Cuoghi, Palma Baldo, alpinista e guida alpina, e Tiziana Ambrosi, che ha portato il saluto della valle di Sole.

“Esiste un portato femminile che va valorizzato maggiormente – ha detto l’assessora Ferrari. – Di rado ha i riflettori puntati, spesso necessita di uno sforzo più ampio per essere conosciuto e apprezzato come merita. Il raduno delle donne alpiniste rappresenta uno di questi casi. Nel sottolineare, assieme, quanto le donne hanno fatto e fanno nell’alpinismo, noi però facciamo anche un servizio al territorio, ed è per questo che la Provincia ha appoggiato con grande convinzione il Rendez-vous. Perché è un’iniziativa che mette al centro i meriti, le capacità, i contributi delle alpiniste, proiettandoli sullo sfondo maestoso del Brenta, del parco dello Stelvio, di queste montagne, di queste pareti e cime che tanto amiamo”.

La manifestazione inizierà domenica 31 luglio a Croviana, con un incontro fra le alpiniste e le autorità locali. Silvia Metzeltin è una «memoria storica» del raduno internazionale delle alpiniste. Il ricordo di una stagione in cui ancora la presenza delle donne in parete era tutt’altro che scontata: “Questa battaglia di solidarietà fra le donne oggi riceve un riconoscimento dalla Mano pubblica – ha detto, ringraziando l’Assessorato provinciale alle Pari opportunità per il suo appoggio – ci sono voluti 50 anni ma ce l’abbiamo fatta. Il nostro movimento è nato per la felice intuizione di una donna, la baronessa Felicitas von Reznicek, che in Svizzera, nel 1968, decise di dar vita ad un’associazione internazionale di donne alpiniste. Era un’epoca diversa da quella attuale, anche a causa della Guerra fredda, della presenza di confini oggi scomparsi, ma l’associazione riuscì a superarli, organizzando i suoi raduni estivi un po’ ovunque, all’Ovest così come all’Est, permettendo così ad alpiniste di nazionalità diverse, ma anche di generazioni diverse, di incontrarsi e confrontarsi. Molta acqua da allora è trascorsa, e anche l’alpinismo è cambiato. Ma l’associazione è rimasta, mentre altri movimenti via via hanno chiuso. Perché sempre le donne hanno qualcosa di cui parlare. Magari meno di tecniche alpinistiche e più di parità di stipendio o pari opportunità sportive, ma va bene così”.
Tiziana Ambrosi si è detta felice che il raduno si tenga in val di Sole: “La nostra identità è legata alle nostre montagne e al nostro fiume Noce – ha detto. – Ma sono felice anche perché il movimento di cui facciamo parte rappresenta una risposta all’individualismo del nostro tempo”. Palma Baldo ha sottolineato a sua volta le bellezze naturali in cui il raduno è inserito.

“Abbiamo le Dolomiti di Brenta, patrimonio Unesco, con pareti e vie di ogni difficoltà, con ascensioni di straordinario fascino come la salita al Cevedale. Il tramonto dalla cima del Vioz è qualcosa che rimane per sempre. Poi però negli ultimi anni qui si è sviluppata anche l’arrampicata su falesia. In val di Pejo c’è la palestra di roccia più alta d’Italia.

Insomma, non poteva esserci sede più adatta di questa per ospitare il raduno delle alpiniste”.
Claudia Cuoghi infine ha riepilogato brevemente i principali, appuntamenti che coinvolgeranno le oltre 60 alpiniste iscritte.

Innanzitutto l’attesa serata pubblica con Nives Meroi, che oltre ad aprire vie di estrema difficoltà in Italia ed Europa ha scalato 11 dei 14 Ottomila della terra.

Le partecipanti al raduno avranno inoltre un momento conviviale a Malè venerdì 5 agosto e un incontro per tirare le somme sabato 6 a Croviana.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136