QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Malè: i carabinieri di Cles li scoprono con cellulari rubati, i due vengono denunciati

giovedì, 11 settembre 2014

Malè - E’ stata una maldestra manovra del conducente di una piccola utilitaria ad insospettire l’equipaggio dell’Aliquota Radiomobile della Compagnia di Cles ed a determinare il controllo di polizia che ha permesso di ritrovare – addosso a due pregiudicati, poi denunciati in stato di libertà per concorso in furto aggravato e continuato – quattro telefoni cellulari di ultima generazione, due dei quali di sicura provenienza illecita, una macchina fotografica digitale e una cospicua somma in contanti.Foto cellulari

Colombo Ignazio e Held Armando – rispettivamente di 47 e 51 anni, il primo residente in Pergine Valsugana, l’altro in Trento – in effetti non hanno saputo mantenere il sangue freddo allorquando in Malè, nella tarda mattinata di ieri, hanno incrociato lo sguardo degli uomini dell’Arma e così, goffamente, dando netta la sensazione di voler sottrarsi ad un possibile controllo di polizia, hanno imboccato una strada secondaria, velocizzando il passo. La gazzella li ha presto raggiunti ed identificati.

I precedenti penali a carico dei due, come pure la loro evidente apprensione, ha spinto gli uomini dell’Arma ad approfondire gli accertamenti. I due sono stati perciò perquisiti. Indosso tenevano, oltre ai loro personali, quattro telefoni cellulari (due I-phone ed altrettanti Nokia Lumia), una macchina fotografica Nikon Coolpix S6600 e ben 750 euro in contanti. Il tutto era ordinatamente custodito in un beautycase.

Gli accertamenti conseguentemente esperiti hanno permesso di addivenire all’identificazione dei proprietari di due telefonini (gli altri “lavoravano” con scheda di un gestore tedesco), i quali – si è scoperto – ne avevano patito il furto (gli oggetti erano stati asportati dall’interno delle loro rispettive auto) proprio poche ore prima, in località Laghetti del comune di Coredo.

E’ molto probabile che quant’altro trovato nella disponibilità dei denunciati possa costituire oggetto di analoga condotta delittuosa. Il Nucleo Operativo e Radiomobile di Cles sta adesso lavorando per poterlo stabilire- Colombo Ignazio e Held Armando tenevano in auto anche un coltello a serramanico del tipo proibito: per questo dovranno rispondere anche del reato di porto abusivo di arma.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136