QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad

Ad

Ad
Ad

Ad


Malè, gli alpini hanno ricordato la campagna di Russia e don Giuseppe Leita

domenica, 21 gennaio 2018

Malè – In una giornata fredda, tipicamente invernale, si è svolta a Malè (Trento) la celebrazione della battaglia di Nikolajewka. Gli alpini di Malé, in collaborazione con il mandamento delle penne nere della Val di Sole, Pejo e Rabbi e l’Amministrazione comunale hanno promosso la cerimonia dal titolo “Partiti dalla Val di Sole…. Testimonianze della Campagna di Russia nella seconda Guerra Mondiale” con l’esposizione dell’altare da campo di don Giuseppe Leita. Il cappellano militare partecipò alla campagna di Russia è morì nel 1987, dopo aver promosso la nascita di gruppi alpini in Val di Sole. In mattinata c’è stato l’ammassamento davanti al Comune, quindi la Santa Messa e l’apertura della mostra presso San Valentino.Malè Niko 1

Gli alpini della Val di Sole hanno ricordato la battaglia di Nikolajewka, il tragico ed eroico combattimento che, il 26 gennaio 1943, consentì alle truppe italiane, penne nere in testa, di rompere l’accerchiamento sovietico e concludere l’epica ritirata, svolta tutta a piedi, per centinaia di chilometri, a 40° sotto zero. Don Giuseppe Leita partecipò e sopravvisse. In molti a distanza di oltre trent’anni dalla morte ricordano il cappellano militare e i suoi racconti su quel tragico combattimento.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136