QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Malé: festa in piazza per il lancio del razzo Soyuz con l’astronauta Samantha. Rossi: “Orgoglio trentino”

domenica, 23 novembre 2014

Malé - Una grande folla in serata in piazza Regina Elena a Malé per il lancio dello Soyuz e un messaggio del presidente Rossi: “Samantha Cristoforetti è il nostro orgoglio”.

Un boato di gioia alle 22.01, a sciogliere gli ultimi momenti di ansia e largo alla festa. Doveva essere un momento di festa per l’intera comunità solandra e così è stato. In serata tutta Malè e la Valle di Sole – ma idealmente anche l’intero Trentino e l’Italia – si sono stretti attorno a Samantha Cristoforetti e hanno seguito con il cuore in gola gli storici e intensi momenti del lancio della Missione Futura. Ci hanno pensato le centinaia di solandri a riscaldare una piazza Regina Elena avvolta da un freddo pungente ma intrisa di gioia, adrenalina, emozione e un pizzico di orgoglio nell’osservare una ragazza cresciuta in quei luoghi e in quella terra prendere il volo verso lo spazio. La prima astronauta donna italiana, dopo avere superato una selezione di 8.500 candidati, cinque mesi di duro addestramento.

LA FESTA

Musica, frittelle e vin brule’ hanno accompagnato i tanti concittadini di SSamantha a Maléamantha nell’attesa di un evento storico per il Trentino e importantissimo per l’Agenzia Spaziale Italiana. E mentre il grande maxischermo trasmetteva dal Kazakistan le ultime immagini e le diverse fasi prima del lancio commentati dagli esperti dell’Agenzia Spaziale Italiana, in piazza sono giunti il ringraziamento e il saluto del  sindaco di Malé, Bruno Paganini, il presidente dell’Apt Val di Sole, Luciano Rizzi, del presidente della Comunità della Val di Sole, Alessio Migazzi, e del presidente della Provincia autonoma di Trento, Ugo Rossi, che già nei giorni precedenti la missione Futura aveva fatto avere a Samantha il suo personale saluto e l’augurio di tutta la comunità trentina.

IL PRESIDENTE ROSSI

“Samantha Cristoforetti è il nostro orgoglio, espressione di come siamo fatti noi treRossi a Maléntini – le parole del presidente Rossi alla piazza, a pochi minuti dal lancio di Futura 42. – Siamo gente di montagna e facciamo le cose con grande passione, determinazione, impegno e sacrificio. Ma come trentini ci mettiamo sempre anche un pizzico di ambizione di partire da un territorio piccolo per sapere esplorare territori più grandi. Credo che questo possa e debba essere un bellissimo esempio anche per tutti i nostri ragazzi e dimostra che quando si desidera fortemente raggiungere un obiettivo, è possibile ottenere qualsiasi risultato. La storia di Samantha insegna anche questo. La aspettiamo sin d’ora – ha concluso Rossi, – e al suo ritorno vorremmo accoglierla con un momento di festa, con l’augurio che tanti altri nostri giovani possano tagliare altri così importanti traguardi.

Alle 22.01 puntualissime dal cosmodromo di Bajkonur, la navicella Soyuz ha lasciato il suolo terrestre accolta dall’applauso della piazza, che ha potuto così finalmente liberare la sua gioia e le ultime ansie. Dopo 8’30” a circa 220 chilometri di altezza, la navetta è entrata in orbita attorno alla Terra, accolta da un secondo boato della piazza, che ha continuato a seguire la diretta ascoltando con attenzione la spiegazione delle fasi del lancio. Nella prima mattina di oggi, quando in Italia erano circa le ore 5,45 la navicella Soyuz ha agganciato la Stazione Spaziale Internazionale, ad un’altezza di circa 400 chilometri, e Samantha Cristoforetti alle 6 è stata la prima dell’equipaggio ad entrare nell’ISS, accolta dagli altri membri dell’equipaggio. Un’ora più tardi le sue prime parole in collegamento con parenti e amici: “Ci hanno accolto bene con pranzo e colazione. E’ molto meglio di come potessi sognare”.

 


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136