QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Il caso orso Bruno e la cattura dell’orsa Daniza in val Brenta finisce a Roma

giovedì, 23 maggio 2013

Dimaro – Vertice al Ministero all’Ambiente per affrontare il fenomeno della presenza degli orsi in Trentino. Abbaterli oppure no? La decisione arriverà anche dall’incontro in terra romana. Intanto l”orso bruno si rivede e torna far paura. Il Servizio Foreste e Fauna della Provincia ha intensificato i controlli e i definito tempi certi per affrontare in modo incisivo la situazione. I recenti episodi di predazione a carico di ovini registrati a Brentonico e nella zona del Brenta sono stati causati dal giovane orso denominato M11. Si tratta dei primi  danni al patrimonio zootecnico causati dal plantigrado, conosciuto in precedenza solo per la minor diffidenza manifestata nei confronti  dell’uomo, in assenza tuttavia di comportamenti aggressivi o pericolosi. A fronte della situazione registrata ed in relazione al contesto in cui essa si è determinata – prossimo ad aree in cui sono insediate infrastrutture - la squadra di emergenza è stata prontamente attivata e, giunta sul posto,  ha tempestivamente attuato una dissuasione colpendo l’orso con colpi in gomma. Il mutamento intervenuto nel comportamento dell’orso è oggetto  della massima attenzione da parte del Servizio Foreste e Fauna dePREMANA = FERMI IMMAGINE DELL' ORSO BRUNO TRATTI DA RIPRESE VIDEO REALIZZATE DALLA POLIZIA PROVINCIALE E DAL CORPO FORESTALE DELLO STATO IN LOCALITA' ACQUADASCIOlla Provincia. Per questo è stato dato immediato avvio alle operazioni di  cattura per giungere alla radio collarizzazione di M11, conformemente alle  procedure previste dal Piano d’Azione interregionale per la Conservazione

dell’Orso Bruno nelle Alpi Centro-orientali, visto che le sue dimensioni  attuali consentono ora l’apposizione del radiocollare, prima impossibile.  Ciò allo scopo di intraprendere azioni di dissuasione efficaci, altrimenti di più difficile realizzazione, intensive ed entro tempi brevi. Verificato l’esito delle quali sarà presa una decisione circa la eventuale rimozione del soggetto. Ancora, si segnala che è stato già fissato per venerdì prossimo un incontro con la popolazione a Brentonico per informare in modo specifico circa le azioni intraprese per gestire la presenza dell’orso sul territorio del Baldo e, più in generale, su quello provinciale. Si informa inoltre che, la notte scorsa il personale forestale ha catturato in val Brenta l’orsa Daniza, alla quale è stato sostituito il radiocollare GPS in  esaurimento, anche in questo caso per garantire la continuazione del monitoraggio intensivo e conservare uno strumento più efficace d’intervento
nei confronti del soggetto.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136