Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad

Ad
Ad

Ad


In estate e in inverno Altipiani Val di Non è joy

sabato, 16 marzo 2019

Val di Non - Non ha disatteso le aspettative la società Altipiani Val di Non spa, che in occasione dell’assemblea annuale degli azionisti ha annunciato grandi novità. La società nata dall’unificazione per incorporazione delle tre società di gestione degli impianti di risalita della Val di Non (Monte Nock, Monte Roen e Predaia), si presenta oggi con una rinnovata e più accattivante immagine sotto il segno della parola inglese «JOY».

nonUna novità di tre lettere colorate che racchiude tutta l’essenza della nuova politica di comunicazione della società, che non va a modificarne la ragione sociale ma intende esprimere e raccontare tutte le emozioni che si possono vivere nella skiarea nonesa. Ecco, quindi, nascere il marchio «JOY» come gioia e divertimento per tutti – per la famiglia, per i bambini e per l’atleta in allenamento – lungo tutto l’arco dell’anno, non solo d’inverno ma anche in estate. Settore, quest’ultimo, che punta a crescere nei prossimi anni, con un’offerta sempre più ampia per le attività outdoor e con percorsi studiati non solo per il trekking ma anche per la mountain bike.

Ed è proprio questa la mission che caratterizza la società presieduta da Ivan Larcher: offrire un prodotto adatto a tutta la famiglia e ai principianti dello sci, ma al tempo stesso in grado di intercettare una domanda turistica che non necessariamente si orienta verso i grandi caroselli sciistici, ma privilegia le località meno frequentate alla ricerca di sport, paesaggio, natura e relax. Altipiani Val di Non, nell’ambito del territorio noneso, rappresenta inoltre un’importante realtà di promozione sociale in termini di occupazione (posti di lavoro) e di sviluppo economico, contribuendo alla creazione di servizi, attività e momenti ludico ricreativi rivolti anche ai bambini e alle famiglie residenti. Oltre agli impianti di risalita, la società gestisce anche il Centro Fondo «Regole-Paradiso», con la splendida pista panoramica sulle Dolomiti.

Il rinnovo dell’immagine, che sarà declinato sui principali strumenti di comunicazione, segue l’accordo siglato lo scorso agosto tra la società, la Provincia, Trentino Sviluppo e i Comuni di Cavareno, Fondo, Predaia, Malosco, Romeno, Ronzone, Ruffrè-Mendola, Sarnonico, Sfruz, Ton per il rilancio degli impianti sciistici di Predaia, Monte Nock e Mendola. «Altipiani Val di Non è una realtà che esiste da tanto tempo – ha commentato il presidente Larcher alla presentazione del marchio -. È per noi ora importante presentarsi in maniera diversa. “JOY” è frutto di un lavoro fatto da un’azienda di comunicazione che è Nitida Immagine. “JOY” è gioia ed è questo il sentimento migliore per comunicare una società che propone servizi rivolti soprattutto alle famiglie e ai loro bambini. Ringrazio i main sponsor, Cassa Rurale Val di Non, l’Azienda per il turismo della Val di Non, Melinda e Itas Assicurazioni, che ci hanno sostenuto in questo progetto di comunicazione».

Il brand

Semplice ma d’effetto è il brand studiato dall’agenzia di comunicazione di Cles Nitida Immagine srl. Composto da tra lettere, come le località che trovano esplicita menzione nel payoff, il nuovo nome propone una soluzione che permette di unire i centri dell’offerta turistica, distanti tra loro e pertanto difficilmente armonizzabili con un diverso approccio.

Un ulteriore payoff completa la collocazione territoriale: con l’aggiunta di «Val di Non Alps» si intende lanciare un preciso messaggio legato al prestigio dell’ambiente alpino, declinato nelle particolarità e nelle «dolcezze» tipiche dell’altopiano anaune.

In questo modo, sia la situazione territoriale, ma ancora di più la vocazione turistica e i servizi offerti, vanno a caratterizzare nel nome i punti di forza del nesso composto dall’offerta della skiarea della Val di Non.

I numeri dell’attività caratteristica

722 stagionali

307.178 passaggi

27.865 primi ingressi

150 passaggi settimanali al Centro del Fondo, per un totale di 600 passaggi

550 bambini, 185 adulti e 90 sciatori agonisti che hanno imparato a sciare sulle piste della skiarea

10 gare agonistiche organizzate

840 atleti si sono sfidati sulle piste del Monte Nock

I dati di bilancio

Dopo la presentazione della nuova immagine, la società ha celebrato la propria assemblea generale presentando i dati di bilancio dell’esercizio chiuso al 31 ottobre 2018.

In sintesi, dal documento contabile emerge come il totale del valore della produzione passi da 771.319 euro dell’esercizio precedente ai 622.687 euro di quest’anno: sono in netto aumento i ricavi delle vendite e delle prestazioni legati alla gestione invernale ed estiva degli impianti, che segnano il valore di 414.256 euro contro i 288.374 euro dell’esercizio chiuso al 31 ottobre 2017. Cala in generale la voce relativa ad altri ricavi e proventi, che si attesta a 208.431 euro (482.945 euro l’esercizio precedente, nei quali erano contenuti circa 275.000 euro di ricavi straordinari derivanti dalla cessione degli impianti a Trentino Sviluppo spa).

In leggera diminuzione quindi sono i costi della produzione che ammontano a 623.419 euro contro i 685.503 euro dell’anno precedente (anche in questo caso il valore era determinato dalla presenza di 68.000 euro di oneri straordinari derivanti dalla cessione degli impianti a Trentino Sviluppo spa). I proventi e oneri finanziari hanno il valore di -7.814 euro (-7.357 euro l’esercizio precedente). Il risultato prima delle imposte è di -8.546 euro (l’anno precedente era pari a 78.459 euro, pesantemente influenzato peraltro dalle poste straordinarie) e il totale delle imposte sul reddito dell’esercizio, correnti, differite e anticipate è pari a -8.670 euro (36.342 euro nel 2017). La società, infine, chiude con un utile di esercizio che vale 124 euro rispetto ai 42.117 euro dell’anno precedente.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136