QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad

Ad
Ad
Ad

Ad

Imu agricola/2 Tutti i Comuni trentini esclusi dal pagamento. Soddisfatto il senatore Panizza (PATT)

lunedì, 26 gennaio 2015

Trento – Tutti i Comuni trentini sono esenti dall’Imu agricola. Il termine per i Comuni di pianura scadeva oggi ed è stato posticipato dal Governo Renzi al 10 febbraio. Nel frattempo il governo ha ridefinito – per l’ennesima  volta – i Comuni che dovranno versare l’Imu agricola.

Il commento del senatore Franco Panizza (PATT): “Dopo le pressioni degli autonomisti e dei parlamentari della montagna, il Governo risolve il problema dell’IMU agricola montana. Siamo soddisfatti perché sono stati ripristinati criteri oggettivi”. “Finalmente, doSenatore Franco Panizza 1po tante pressioni, soprattutto degli Autonomisti e dei parlamentari della montagna, il Governo ha risolto il problema dell’Imu agricola montana, fissando nuovi criteri altimetrici per il pagamento che prevedono l’esenzione totale (come era finora) per tutti i comuni della Provincia di Trento”.

Il segretario politico del PATT e vicepresidente del Gruppo Interparlamentare per lo Sviluppo della Montagna, senatore Franco Panizza (nella foto sopra), va oltre: “Gia lo scorso mese di dicembre, prima che il Governo introducesse il decreto con cui rideterminava le zone soggette a IMU, avevo presentato un’interrogazione urgente, dove chiedevo che non fosse quello dell’altitudine della sede comunale il criterio adottato per la delimitazione delle zone montane. Si sarebbe infatti determinata un’irragionevole disparità di trattamento tra territori del tutto omogenei, basata su un dato del tutto accidentale. In queste settimane, in cui il Governo, dopo aver rinviato tutto a fine gennaio, non si decideva ad affrontare la questione, avevo sollevato quello che stava diventando un grosso problema per le aziende in Commissione Agricoltura del Senato e ne ho ripetutamente parlato con il viceministro alle politiche agricole Olivero. Da ultimo, assieme al Gruppo per le Autonomie, avevamo indirizzato ben due sollecitazioni ai Ministri Martina e Padoan perchè intervenissero in tempo utile”.

“È pur vero – ribadisce Panizza – che la Provincia di Trento era già corsa ai ripari con uno specifico provvedimento che esentava gli agricoltori dal pagamento dell’Imu sui loro terreni; ma è altrettanto vero che l’onere sarebbe pesato sulle casse provinciali e che la classificazione delle terre montane può essere utilizzata anche per le altre misure, quali le aliquote previdenziali agricole”.

“La decisione assunta, anche se in extremis, dal Governo – conclude Panizza – ci tranquillizza perché riporta la tematica nel giusto binario e rende giustizia ai territori di montagna che vivono già condizioni penalizzanti e sono costantemente soggette al rischio dell’abbandono e dello spopolamento”.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136