QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Il lupo in Alta Val di Non: eccezionale immagine di un esemplare maschio adulto

venerdì, 13 giugno 2014

Val di Non – Un esemplare maschio adulto fotografato allo stato libero da un operatore del Servizio Foreste e fauna. Le condizioni di luce, ed il fatto che l’animale sia arrivato e si sia fermato, ignaro, a poche decine di metri dall’uomo, un operatore del Servizio Foreste e fauna, che era appostato e ben nascosto per svolgere delle osservazioni naturalistiche, hanno consentito di scattare immagini straordinarie, che parlano da sole, e che mostrano con tutta l’evidenza possibile Lupo 2le caratteristiche di questa specie, parte dell’ecosistema alpino.

Dopo qualche minuto trascorso al sole a riposare, sbadigliare e stiracchiarsi il lupo ha alzato il capo, fiutando improvvisamente qualcosa nell’aria. Senza scomporsi si è alzato lentamente ed in pochi passi è scomparso dalla vista, ritornando nel chiuso della foresta.

Le immagini – scattate da Ivan Stocchetti, del Servizio Foreste e fauna – si riferiscono con ogni probabilità all’esemplare di lupo maschio, adulto, denominato “M24”, che ormai da quattro anni è presente in alta val di Non e già ripreso con fototrappole in passato. Si tratta di 9 scatti, alcuni dei quali sono allegati; la sequenza completa, quasi un “racconto”, è pubblicata sul sito: www.ufficiostampa.provincia.tn.it/Fotogallery/pagina3.html

Il lupo è da sempre presente nelle Alpi, nelle quali si è estinto a causa dell’uomo all’inizio del XX secolo. Vi sta ritornando in maniera spontanea ormai da circa 20 anni, provenendo sia dalla popolazione “italiana” (Appennino settentrionale e Alpi occidentali), che da quella dinarico-balcanica (Slovenia e Croazia) che da quella carpatica (Slovacchia, Polonia).

Se da un lato questo ritorno costituisce un aspetto certamente interessante sotto il profilo biologico, nella direzione della ricostituzione della piramide ecologica dell’ambiente alpino e degli equilibri preda-predatore, dall’altra parte esso porta con se problematiche legate al contenimento ed alla gestione dei danni a carico del bestiame domestico. A questo riguardo la Provincia autonoma di Trento può però usufruire di un sistema di prevenzione ed indennizzo dei danni già collaudato per la gestione dell’orso, di personale preparato, e di iniziative di comunicazione.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136