QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Val di Rabbi: il cantautore Paolo Antonioni presenta alla Torraccia di Terzolas “Chjanzon Dausine”

giovedì, 7 gennaio 2016

Terzolas – Il cantautore della Val di Rabbi Paolo Antonioni‎, 27 anni, laurea in Scienza della Comunicazione a Verona, presenta “Chjanzon Dausine” (canzoni vicine). L’evento è in calendario domenica 10 gennaio – alle 17.30 – al palazzo della Torraccia di Terzolas (Trento).

E’ il secondo disco del cantautore della Val di Rabbi: Paolo Antonioni usando la lingua dialettale ha scoperto nei suoi viaggi che gli idiomi della Val di Rabbi sono tra i più antichi dell’arco alpino. Nel suo nuovo disco raccoglie 13 tracce tutte in lingua rabbiese. All’interno del disco, oltre ad una canzone di nuova composizione, sono presenti riarrangiamenti di pezzi tradotti provenienti dalle lingue inglese e serba, ma anche melodie che provengono dalla musica basca, lappone e catalana.

Paolo Antonioni 2

“All’interno del disco – racconta il cantautore Paolo Antonioni – ci sono canzoni che, seppur provenienti da diversi angoli d’Europa e degli Stati Uniti, sono state tradotte nella nostra parlata e in qualche modo “importate” nel nostro bagaglio culturale. Il lavoro, che avevo in testa già da un paio d’anni, si può dire nasca dalla constatazione di come le nostre origini culturali (ed in particolar modo musicali) siano andate perdute o siano state occultate durante lo scorso secolo”.

“Per questo – aggiunge il cantautore – è nato in me il desiderio di restituire alle nostre vallate queste radici, attingendole da altre lingue, che seppure lontane geograficamente o linguisticamente, risultano vicine nelle vicende legate al loro riconoscimento culturale. Partendo quindi dal microcosmo della nostra realtà ci si accorge che al di fuori di essa c’è un macrocosmo per certi versi simile, con cui potersi confrontare e arricchire. Il cd é quindi un viaggio in tempi, luoghi e culture diverse, ma anche, per come sono state raccolte le composizioni, costituito da tante piccole tappe nel grande viaggio che è la vita di un essere umano”.

Domenica 10 gennaio la presentazione alla Torraccia di Terzolas, nelle cui sale, grazie al sostegno del Centro Studi Val di Sole e del Comune di Terzolas. “Ho avuto il piacere di incidere le 13 canzoni – conclude Antonioni -. Un grazie va rivolto ovviamente al ristorante “Alla Corte dei Toldi” per il sostegno e ad Alessio Dalla Torre per le registrazioni, ma anche a tutti gli artisti che hanno contribuito al buon esito di questo progetto: Chiara Dell’Eva, Nadia Delpero, Alessandro Fedrizzi ed Erika Rossi”.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136