QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad

Ad

Ad
Ad

Ad
Ad

Ad

Guida in stato di ebbrezza, i carabinieri della compagnia di Cles ritirano tre patenti

martedì, 30 settembre 2014

Cles – I carabinieri della Compagnia di Cles hanno ritirato la patente di guida ad un giovane della Val di Sole che, fermato nel corso di un consueto controllo alla circolazione stradale e, causa i manifesti sintomi di uno stato confusionale, sottoposto alla prova dell’etilometro, ha fatto registrare un valore di alcool nel sangue di 1,7 g/l, di molto superiore quindi a quello tollerato dal Codice della Strada. Il contravventore, che potrà vedersi sospeso il documento di guida da 1 a 2 anni, è stato denunciato all’Autorità Giudiziaria, l’autovettura condotta dal medesimo sottoposta a sequestro.

Identica sorte è toccata di lì a qualche ora, in Cavedago, ad un ottantenne residente in Paganella. L’uomo, alla guida della propria autovettura, dopo aver travolto un centauro (le conseguenze per il motociclista, che è stato ricoverato presso l’ospedale di Trento, fortunatamente non sono state gravi) invadendo la corsia di marcia opposta alla sua, ha infatti opposto il rifiuto alla richiesta dei militari di eseguire l’accertamento del tasso alcolemico ed è così incappato nella più grave delle violazioni punite dal Codice della Strada riguardo alla guida in stato di ubriachezza.

L’ultimo automobilista incorso nella medesima infrazione è un magrebino di cinquant’anni che presentava, evidenti, i più classici sintomi dovuti all’intossicazione alcolica. Fermato dalla pattuglia dell’Aliquota Radiomobile in Taio all’ 1.30 questa notte, l’uomo non ha voluto che il suo tasso di alcolemia fosse appurato ed ha così “rinunciato” alla sua patente di guida


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136