QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad

Ad
Ad
Ad


Folgarida Marilleva, stagione invernale super. Intervista al direttore Gasperi

martedì, 3 aprile 2018

Folgarida (A. Pa.) – Una stagione invernale da record, neve da inizio a fine stagione e piste della skiarea Folgarida-Marilleva aperte per ben quattro mesi, col collegamento sci ai piedi con Madonna di Campiglio. Il bilancio finale sarà tracciato dopo l’8 aprile, a chiusura degli impianti. Sull’andamento della stagione abbiamo intervistato il direttore generale di Funivie Folgarida Marilleva, dottor Cristian Gasperi.

cristian-gasperi-marilleva-1

Direttore, possiamo tracciare un bilancio della stagione?

“Si. Siamo all’ultima settimana di apertura degli impianti della nostra skiarea e ci apprestiamo a chiudere con dati record di presenze e passaggi sulle piste. E’ stata una stagione caratterizzata dalla neve che ci ha accompagnato da dicembre ad oggi e questo ci ha favorito, anzi ha fatto da traino. L’inizio è stato molto positivo e già a Natale abbiamo registrato numeri molto importanti”.

…e gli altri mesi della stagione?

“Tutti i mesi della stagione, compreso marzo che è stato parzialmente frenato da weekend nevosi, abbiamo avuto incrementi di  passaggi sugli impianti di risalita. L’inverno 2017/2018 sarà ricordato a lungo nelle nostre località sciistiche per il ritorno delle settimane bianche degli italiani. Abbiamo constatato un grande afflusso e incrementi importanti che non si vedevano da parecchio tempo”.

Il mese della stagione che vi ha dato le maggiori soddisfazioni?

“Febbraio. I periodi canonici delle vacanze, ponte di Sant’Ambrogio, Natale, Capodanno, Epifania e Carnevale sono da sempre di grande afflusso. In questa stagione invece febbraio ha avuto – anche per coincidenze di vacanze in tutta Europa – presenze costanti sull’intero mese, con passaggi record sulle piste. E’ stato un mese eccezionale”.

Qual è la vostra clientela?

“I periodi vanno divisi durante la stagione, Natale e Capodanno in prevalenza italiana, poi durante le settimane bianche sono stati in maggioranza i turisti stranieri a farla da padroni. Abbiamo avuto massicci arrivi da Est Europa, ma anche da Belgio, Germania e Regno Unito. Questa settimana che ci porta alla conclusione della stagione abbiamo gruppi stranieri provenienti da Belgio e Regno Unito, accanto a comitive italiane”.

Anche il cartellone degli eventi è stato ricco?

“Quest’anno sono state organizzate nella skiarea numerosi eventi che hanno fatto da richiamo per i turisti e per chi stava trascorrendo le vacanze c’è stata l’opportunità di divertirsi dopo la giornata sugli sci. Gli eventi sulle piste hanno fatto la differenza e sono stati molto apprezzati dagli ospiti. Poi c’è stata la settimana del Polish Day che è giunta alla quinta edizione e ogni anno si arricchisce di appuntamenti. L’ultimo atto sarà sabato prossimo quando sarà organizzato il party all’Apres Malghet Aut a chiusura  della stagione (per l’occasione il 7 aprile lo skipass a Folgarida-Marilleva sarà di 26 euro ndr.)”.

E per il futuro?

“Stiamo già pensando alla prossima. Inanzitutto all’estate che riserverà grandi eventi sportivi, in particolare le gare di Coppa del Mondo di mountain bike a luglio. Poi guardiamo già al prossimo inverno che sarà lunghissimo, vista la cadenza della Pasqua nella terza decade di aprile. Funivie Folgarida Marilleva ha grandi progetti di crescita e l’inverno che si sta concludendo è solo il punto di partenza”.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136