QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Dopo il rame rubano gasolio. I carabinieri di Malé arrestano due albanesi già denunciati per un precedente colpo

lunedì, 26 maggio 2014

Malé – Blitz dei militari, arrestati due ladri di gasolio, tra l’altro vecchie conoscenze dei carabinieri. A volte ritornano! E’ proprio il caso di dirlo riguardo all’operazione portata a termine dai carabinieri della stazione di Malè e della compagnia di Cles che hanno concluso con l’arresto in flagranza di reato di furto aggravato di Armand XHULAJ (foto sotto a sinistra) e Arjan HARIZAJ, (foto sotto a destra) pregiudicati albanesi di 37 e 26 anni. Venti giorni fa i due erano stati denunciati dagli stessi militari per la ricettazione di oltre un chilometro di filo di rame in Val di Sole.XHULAJ Armand

 

Come la scorsa volta, a tradire i due ladri  è stato un piccolo particolare, dettaglio che evidentemente non è sfuggito ai militari, vale a dire l’autovettura Audi A4 utilizzata per mettere a segno i loro colpi. Gli uomini del Comando di Malè quando l’hanno vista in sosta nei pressi della discarica di Malè non hanno avuto dubbi: gli albanesi dovevano essere da qualche parte a far danni e sarebbero tornati a riprenderla. Ed è andata proprio così come previsto, giusto il tempo di mettere in atto un servizio di osservazione, attività alla quale hanno preso parte anche i colleghi del Comando di Rabbi e gli uomini della Stazione del Corpo Forestale di Dimaro. E’ stata la pattuglia dei forestali, che muovendosi con i lampeggianti della propria autovettura in funzione nella parte della discarica opposta a quella ove gli stranieri avevano parcheggiato la loro Audi, ad indurre – come creduto – i malfattori a raggiungere speditamente il proprio mezzo ed a caricare in tutta fretta nel bagagliaio taniche piene di oltre 150 litri di gasolio asportato da mezzi d’opera del cantiere. I due immaginavano davvero di averla fatta franca e sono rimasti di sasso quando si sono trovati di fronte i Carabinieri, proprio quelli che qualche giorno prima li avevano beccati e denunciati.

HARIZAJ_Arian

XHULAJ e HARIZAJ, ai quali è stata sequestrata l’auto, hanno trascorso due notti nelle camere dei sicurezza della Compagnia di Cles e sono stati giudicati con rito direttissimo. XHULAJ, che indosso portava un coltello a serramanico, deve rispondere anche del reato di porto illegale di arma.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136