QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Ritiro del Napoli a Dimaro-Folgarida, soldi e tradimento: De Laurentiis sfida Marotta e Higuain

mercoledì, 20 luglio 2016

Dimaro – Folgarida – Il patron del Napoli, Aurelio De Laurentiis, lancia la sfida su Higuain. “A Marotta ho detto ”Vuoi Higuain? Caccia i Soldi. E comunque devono essere in due per il trasferimento. Il Pipita ha cantato la canzone dell’innamorato, tradirebbe se stesso” (foto Cuomo).

napoli de laurentiis foto cuomo

PATRON DE LAURENTIIS

A Teatro di Dimaro, Aurelio De Laurentiis ha subito chiarito che in caso di passaggio ai bianconeri “Higuain tradirebbe se stesso, non il Napoli. Ha cantato la canzone dell’innamoramento, è andato sotto la curva. Sarebbe il re dell’assurdità”. Nessuno finora ha presentato un’offerta corrispondente al valore della clausola ha aggiunto. “Ho avuto una sola proposta, quella dell’Atletico Madrid che ha offerto 60 milioni più alcune contropartite tecniche e io gli ho detto: non si può fare”.

Tante le domande su nazionale, moviola, ipotesi di nuovi tornei internazionali, l’acquisto di Giaccherini, l’attenzione a Gabbiadini, la campagna acquisti, affrontate da De Laurentiis anche con ironia.

Il presidente ha confermato che il Napoli è attivo nella campagna di rafforzamento dell’organico. “Siamo su Donati e altri dieci, noi abbiamo bisogno di un terzino destro, meglio ancora se ambidestro, che magari deve fare al massimo 10-15 partite, uno o due centrocampisti. Se riescono a prendere quello che voglio, sto a posto per i prossimi cinque anni, altrimenti devo prendere un altro. Poi devo vedere come sostituire Higuain nel caso in cui andasse via, all’Arsenal o a qualche altro club”.

ALLENAMENTI 

E al centro sportivo di Carciato anche nel pomeriggio è continuato il lavoro di campo sotto le indicazioni di Maurizio Sarri che fa lavorare gli azzurri costantemente sulla fase difensiva e sugli schemi d’attacco. Oggi è stato il giorno di Ivan Strinic che nella seduta pomeridiana è rientrato nel gruppo condividendo con i compagni il lavoro tattico del pomeriggio.

Lavoro a parte per Lorenzo Tonelli, in compagnia di De Guzman, che è tornato a svolgere un programma personalizzato in palestra per crescere sotto il profilo della condizione fisica. Nel pomeriggio si è dedicato alla corsa anche Allan che non ha lavorato col gruppo.

E di calcio e tifo si parlerà anche domani in Val di Sole nel convegno “Tifo e legalità, il binomio vincente” in programma alle ore 19 al Teatro di Dimaro a cura del Napoli Club Bologna, in collaborazione con il comune di Dimaro-Folgarida e l’APT della Val di Sole. Si tratta di un evento inserito nell’ambito delle attività del Club Felsineo inerenti la sfera extra calcistica e il percorso iniziato più di un anno fa sul tema della legalità. Tra gli ospiti del convegno vi sono, tra gli altri, il giornalista Sandro Ruotolo (per le sue inchieste contro la camorra e le minacce ricevute, vive tutt’oggi sotto scorta), il procuratore aggiunto DDA di Napoli Giuseppe Borrelli, il presidente del Tribunale di Trento Guglielmo Avolio, ex Presidente dell’Osservatorio Nazionale sulle Manifestazioni Sportive e attuale questore di Firenze Alberto Intini, l’avvocato Claudio Botti già presidente nazionale penalisti italiani e tra gli ideatori del Te Diegum con i giornalisti Vittorio Zambardino e Guido Ruotolo.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136