QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad


Ad
Ad

Con i Campionati del Mondo Val di Sole 2016 nascerà un nuovo paradiso Mtb

domenica, 23 agosto 2015

Daolasa – Dal 6 all’11 settembre 2016 la Val di Sole ospiterà per la seconda volta i Campionati del Mondo Mountain Bike UCI dedicati alle discipline Downhill, Trials e Four-Cross. L’evento vuol rappresentare l’inizio di un nuovo percorso che punta a rendere la Val di Sole, con i suoi 14 Comuni e le valli di Peio e Rabbi, un unico grande paradiso della mountain bike con oltre 300 km di tracciati, in parte già esistenti, a disposizione sia dei superspecialisti sia dei semplici turisti, che potranno scoprire le bellezze di questa valle in sella alla loro bici.conferenza stampa

Il progetto riguarda il triennio 2015-2016-2017 (con due tappe di Coppa del Mondo e la rassegna iridata) ed è stato illustrato alla stampa internazionale dal presidente del Comitato Esecutivo Aldo Bordati con il responsabile tecnico Sergio Battistini, dal presidente dell’Apt Luciano Rizzi, dal presidente della federazione ciclistica italiana Renato di Rocco e dall’assessore allo Sport del Trentino Tiziano Mellarini, in rappresentanza anche del collega al Turismo e residente del C.O, Michele Dallapiccola. L’occasione è stata una conferenza stampa organizzata durante le Finali di Coppa del Mondo Mtb Uci Val di Sole 2015 che vedono la presenza di mille bikers di 30 nazioni e di 200 giornalisti specializzati.

La vocazione naturale alle attività outdoor – hanno spiegato Bordati e Rizzirende oggi la Val di Sole un vero paradiso per tutti gli appassionati della vita all’aria aperta, sia nella stagione invernale sia in quella estiva. Fin dagli anni ’80 questa località di vacanza ha saputo sfruttare il proprio patrimonio naturalistico promuovendo la propria immagine con l’organizzazione di importanti competizioni internazionali e mondiali di canoa, kayak, snowboard, mountain bike e ciclismo. Da cinque anni ospita poi il ritiro precampionato estivo del calcio Napoli che vede la presenza di decine di migliaia di turisti interessati alle caratteristiche del territorio e alle sue proposte, come ad esempio il rafting divenuto negli anni una importante attività ludica e imprenditoriale sul fiume Noce. Nella stagione invernale ruolo centrale è svolto dalla Ski Area Campiglio Dolomiti di Brenta Val di Sole – Val Rendena che vanta 150 km di piste tutte collegate ed utilizzabili con un unico ski pass. Impianti e  tracciati che si punta a rendere usufruibili anche alla Mtb e saranno ora affiancati da impianti specifici: il Bike Park di Daolasa sta per essere ufficializzato e quello di Pejo sta prendendo vita sotto forma di progetto; da poco è stato inaugurato il Bike Park del Tonale con due piste adatte ai principianti”.

Iniziative volute per sottolineare l’apertura della Val di Sole non solo alle prestigiose competizioni internazionali ma anche verso le famiglie e i biker giovani alle prime armi. Un target che si sposa perfettamente con l’atmosfera e i servizi bike friendly che caratterizzano la valle e già attirano numerose famiglie amanti dello sport e delle vacanze all’aria aperta. Grazie, ad esempio, alla pista ciclabile di 35km che attraversa la valle e sarà ampliata con un piano di 3 milioni di euro, andando a sommarsi agli oltre 400 km di piste ciclabili del Trentino. O al collegamento ferroviario con Trento che consente di raggiungere la valle in treno sia da oltre Brennero sia dalla pianura padana. E permette ai turisti  meno avvezzi alle lunghe pedalate si potersi spostare poi lungo la valle usando il trenino (Dolomiti Express) che corre lungo la valle parallelo alla ciclabile e al fiume Noce permettendo ai ciclisti, insieme al servizio bus, di spostarsi velocemente da una località all’altra della vallata, percorrendo l’intero fondovalle fino alle località di Passo del Tonale e Pejo, rispettivamente a quota 1883 m e 1173 m.

Agonisticamente il fulcro centrale dei Campionati del Mondo Val di Sole 2016 sarà nuovamente la Bike Arena di Daolasa – ha evidenziato Sergio Battistini, responsabile tecnico del CO -. Il Downhill si disputerà ancora sulla leggendaria pista Black Snake, che per le sue caratteristiche tecniche è considerata nel mondo Mtb un’icona alla stregua di quanto rappresenta la Streif di Kitzbuehel nel mondo dello sci alpino. Il C.O. ha peraltro già previsto importanti modifiche al tracciato. Anche il Four-Cross avrà come teatro la pista permanente di Daolasa, l’unica al mondo dotata di impianto di illuminazione che consente la disputa di gare in notturna. Nella finale di Coppa di Coppa del Mondo Uci Val di Sole 2015, disputata nel week end 20-23 agosto, erano in 5.000 a festeggiare i titoli vinti dal tedesco Aiko Goehler e dall’olandesina Anneke Beerten. A ospitare le competizioni del Trial sarà invece la Conca di Vermiglio ai piedi della maestosa Presanella. Un’area scelta dal C.O. proprio per le splendide e maestose caratteristiche ambientali che ben si sposano con questa disciplina la cui pratica prevede il superamento di difficili ostacoli naturali”.

Il presidente Di Rocco ha ricordato lo stretto legame nato in questi anni tra la Federazione italiana e internazionale con la Val di Sole e più in generale con il Trentino. Un rapporto fiduciario reso possibile dalla grande affidabilità tecnica e organizzativa delle organizzazioni locali. E anche dalla bellezza delle località che ospitano le competizioni. Decine e decine che spaziano dal livello mondiale a quello dei bambini che si avvicinano al mondo delle due ruote.

L’assessore Mellarini ha evidenziato gli investimenti fatti dalla Provincia autonoma di Trento a sostegno delle strutture e infrastrutture sportive, che oggi lo pongono in una posizione privilegiata sia in Italia sia in Europa. L’assessore allo Sport e alla Cultura della Provincia autonoma di Trento ha quindi enfatizzato il ruolo dei volontari “sempre pronti a supportare le organizzazioni e senza i quali – ha detto – non si potrebbero organizzare ne eventi di caratura internazionale e locali”. Mellarini poi ha fornito un dato sul valore dello sport. “Il giro d’affari generato vale il 5,6% del Pil – ha chiarito – e garantisce, è il caso del Trentino, una visibilità importante dal punto di vista mediatico. Come sta avvenendo in val di Sole”.

di Alberto Panzeri


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136