QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Commezzadura, World Cup Mtb: nel pomeriggio il gran finale, favoriti i fratelli Atherton

domenica, 16 giugno 2013

Commezzadura – Sarà la spettacolare disciplina della Downhill a chiudere oggi il lungo weekend dell’Uci Mountain Bike World Cup della Val di Sole, in Trentino. Si prospetta quindi un pomeriggio ad alto tasso di adrenalina sulla mitica «Black Snake» di Daolasa, non a caso paragonata alla leggendaria «Streif» di Kitzbuehel, il tempo dello sci alpino.

I funamboli della Downhill, dopo aver affrontato i turni di qualificazione, si giocheranno quindi i punti di Coppa in poco più di tre minuti da affrontare a tutta e con la concentrazione al massimo, per far fronte a tutte le insidie della pista della Val di Sole, considerata da tutti i rider la più difficile e tecnica dell’intero circuito mondiale. A partire con i favori del pronostico, i fratelli Gee e Rachel Atherton, i due britannici che hanno fatto segnare il miglior tempo in qualificazione. Principali avversari dei due, lo statunitense Aaron Gwin(vincitore a Daolasa nel 2011 e nel 2012) e la francese Emmeline Ragot, ma la gara è aperta a molte soluzioni in quanto in questa specialità basta una minima distrazione per gettare al vento la prestazione. A curare ogni dettaglio della «Black Snake» è Pierpaolo «Pippo» Marani, responsabile della Downhill in Val di Sole. 0sARw_bwBwnjFXez_hyf-TcqM8R7WgGIiOYBxy6d7nY

«Fin dal ’99 – spiega il modenese Marani – il percorso ha conosciuto continue evoluzioni, anche perché le stesse biciclette da discesa sono cambiate molto. I biker apprezzano molto la nostra pista, che è la più difficile e tecnica della Coppa del Mondo e che ha una caratteristica che la rende davvero unica, ovvero il fatto di essere disegnata sfruttando solamente elementi naturali. Il tracciato della Val di Sole esalta le doti di guida degli atleti, quindi chi vince qui non lo fa per caso,bensì perché è al top della condizione sia dal punto di vista fisico che da quello tecnico. Il perché del nome “Black Snake”? Tutto è nato nel 2005, quando in occasione del primo Europeo un biker ci ha confessato di aver sognato per tutta la notte i “serpenti neri” che aveva trovato lungo la pista, ovvero le radici degli alberi».Il programma delle gare Downhill si concluderà con la gara delle 16.30.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136