QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Commezzadura: convegno distrettuale dei vigili del fuoco volontari della Val di Sole

domenica, 13 luglio 2014

Malé – Il Corpo dei vigili del fuoco volontari della Val di Sole tiene il proprio consegno distrettuale a Malé. Oggi, dalle 8, l’Unione dei Corpi dei vigili del fuoco volontari del Distretto della Valle di Sole, celebra, in collaborazione con il Comune di Commezzadura, l’evento più importante dell’anno. Viene festeggiato il 120esimo anno dalla fondazione del corpo di Commezzadura, con i suoi 345 vigili del fuoco volontari e un’attività in crescita. (Nella foto un recente incontro dei comandanti dei vigili del fuoco a Trento).

I numeri

Nel 2013 gli interventi sostenuti dai corpi della valle sono stati 608 per un totale di 15.203 ore impiegate. A cui si aggiungono le esercitazioni teoriche e pratiche, che sono state 628 per 13.612 ore, la manutenzione generale fatta a caserme, mezzi e attrezzatura in dotazione, che raggiunge 232 interventi per 2.695 ore. Ogni uomo, nell’arco dell’anno accumvigili del fuoco volontariula, quindi, circa 39.701 ore di volontariato.

 

L’evento e la storia del Corpo dei Vigili del fuoco della Val di Sole

Festa grande questo week end in val di Sole per i 120 anni di fondazione del Corpo dei Vigili del Fuoco Volontari di Commezzadura: 23 uomini in servizio attivo, due complementari e un vigile del fuoco onorario al comando di Franco Mattarei. Come tutti i Corpi del Trentino anche quello di Commezzadura si basa sulla passione e la disponibilità di queste persone che dedicano parte del loro tempo al servizio della comunità e in soccorso di chi si trova in difficoltà. L’importante traguardo viene celebrato insieme all’intero distretto dei Corpi dei vigili del fuoco volontari di Malè che per l’occasione si ritroveranno domani a Mestriago per dare vita all’annuale convegno distrettuale. “Voi lavorate come professionisti – ha esordito Ugo Rossi – ma siete volontari. Vi ringrazio per quello che fate per la comunità. Noi ci sentiamo sicuri perché siete preparati e generosi, non vi tirare mai indietro. Fate parte del sistema trentino della Protezione Civile che è un modello nazionale e internazionale. Grazie anche per i valori che sapete trasmettere ai giovani”.

Il primo nucleo di volontari, come testimonia lo statuto trovato all’Archivio di Stato, fu fondato nel 1894 a Mastellina. Si tratta del più antico tra i corpi del Comune di Commezzadura, che allora non rappresentava ancora l’unico ente amministrativo delle cinque frazioni odierne. Nel 1910 si istituì il corpo di Deggiano seguito, dopo la prima guerra mondiale, da quelli di Almazzago, di Mestriago e di Piano. Nel 1928 ci fu l’unificazione delle squadre con la creazione del Comune unico. È quanto racconta il libro  «A tutela della vita e della proprietà», scritto dallo storico e giornalista Alberto Mosca presentato oggi pomeriggio alla presenza, tra gli altri, del presidente della provincia di Trento, Ugo Rossi.
L’incontro è stato introdotto dal sindaco di Commezzadura, Ivan Tevini, dal vice ispettore del distretto dei vigili del fuoco volontari della val di Sole, Franco Redolfi, e dal comandante del Corpo di Commezzadura, Franco Mattarei. “Voi lavorate come professionisti – ha esordito Ugo Rossi – ma siete volontari. Vi ringrazio per quello che fate per la comunità. Noi ci sentiamo sicuri perché siete preparati e generosi, non vi tirare mai indietro. Fate parte del sistema trentino della Protezione Civile che è un modello nazionale e internazionale. Grazie anche per i valori che sapete trasmettere ai giovani”.
Nel corso della ricerca è stato anche riscoperto il figurino della prima divisa del 1894. “Sarebbe bello – ha detto Alberto Mosca – che si potessero riunire tutti i modelli di uniformi per realizzare in futuro una mostra a livello provinciale”. Il volume ricostruisce attraverso documenti d’archivio, ritagli di giornale e foto, le tappe principali del Corpo sempre pronto ad intervenire in valle, in provincia e anche fuori. Molti sono gli interventi rilevanti effettuati dal Corpo di Commezzadura negli ultimi decenni. Dagli incendi di Malga Scale del 1993 a quello di Malga Vaglianella del 1994. Fra gli interventi fuori Provincia vengono ricordati nel 1994 l’alluvione di Canelli in Piemonte, nel 1997 il terremoto in Val Topina, e ancora, la missione umanitaria nel 1998 in Kossovo e il terremoto del Molise del 2002. Un impegno concreto, generoso e disinteressato. Una presenza importante per la comunità che in questo week end ricambia stringendosi attorno ai propri vigili per ringraziarli del loro impegno quotidiano.

La scheda

Fino al 1928 Commezzadura era formata da 5 Comuni. In base alla “Notificazione della eccelsa Giunta Provinciale in Innsbruck del 27 settembre 1893 N. 11488” ogni Comune era tenuto ad avere un Corpo Pompieri. È stato possibile reperire il “Regolamento del Corpo Pompieri del Comune di Mastellina”, approvato dall’I.R. Capitanato Distrettuale di Cles il 9/2/18951.
Detto Regolamento del Corpo Pompieri prevedeva il seguente organico: Ispettore, Viceispettore, Sergente, Caposquadra, Macchinista e 5 Pompieri effettivi. Esso è composto di 36 articoli ben congegnati, dove sono descritti con precisione e lucidità i compiti di ciascun componente. Nel 1870 Fantelli Silvestro per Almazzago, Rossi Gio.Batta per Mastellina e Podetti Battista per Piano venivano invitati dal Dr. Negri, Capitano Distrettuale di Cles, a dotarsi di una “macchina idraulica”.
Nella Resa di Conto della Cassa di Sovvenzioni fra i Corpi dei Pompieri del Trentino al 31 dicembre 1900 viene riportata Mastellina con 17 pompieri. Nella Relazione del Comune di Dimaro alla Giunta Provinciale di Trento dell’aprile 1922 in seguito all’incendio di Dimaro del 4 dicembre 1921 fra i Corpi dei Pompieri accorsi si ricordano quelli di Deggiano, Mastellina e Mestriago.
In mancanza di documentazione, si presume che la fusione dei 5 Corpi delle frazioni in uno unico di Commezzadura sia avvenuta nel 1945 potendo far riferimento ad un documento riportante tale data unitamente ad un elenco di nominativi che hanno fatto parte del Corpo Vigili del Fuoco Volontari di Commezzadura di cui si ricorda il Comandante Germano Rossi assunto nel 1945 e per 42 anni consecutivi.
Nel luglio 1987 il Corpo Vigili del Fuoco di Commezzadura venne sciolto (per incomprensioni interne) per poi ricostituirsi nel novembre dello stesso 1987.

 

 

 


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136