Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Ti invitiamo a leggere la nostra PRIVACY POLICY.
X
Ad

Ad
Ad
Ad


Cles: vessazione verso studentessa, professore sotto accusa. La Lega Nord chiede la sua rimozione

martedì, 10 marzo 2015

Cles - Scoppia un caso politico al Russel di Cles (Trento), che scuote gli ambienti politici. I fatti – secondo quanto si è appreso – è accaduto nei giorni scorsi all’istituto della cittadina della Val di Non. Un docente avrebbe posto una domanda agli studenti:  chi aiutereste tra uno straniero e italiano in difficoltà, e una studentessa ha risposto che avrebbe aiutato l’italiano in difficoltà.

La studentessa sarebbe stata umiliata e il giorno dopo la studentessa il giorno sarebbe stata sottoposta a una interrogazione ad personam. Il segretario della Lega Nord Trentino,  Maurizio Fugatti, in una nota chiede di prendere posizione su quel proferssore che – secondo quanto in suo possesso – avreebbe detto di non volere in classe dei “piccoli Salvini”.

“In questo contesto – conclude Fugatti – è chiaro che questo educatore ne abbia fatto unMaurizio Fugatti Lega Nord trentinoa questione personale e che non abbia più la serenità necessaria per insegnare. Ci auguriamo che i dirigenti scolastici sollevino immediatamente il professore dal proprio incarico, impedendogli di portare a termine la propria crociata personale”.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136