QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad


Ad
Ad

Cles, clandestinità e orologi di dubbia provenienza: tre giovani albanesi denunciati dai carabinieri

lunedì, 11 gennaio 2016

Cles – I carabinieri della Compagnia di Cles, in particolare quelli del Nucleo Operativo e Radiomobile, nel corso di servizi di pattugliamento della propria giurisdizione hanno denunciato tre giovani albanesi, senza fissa dimora e già noti al forze di Polizia, B.A. 21 anni, T.O. 19 anni,  e T.M. 18 anni, responsabili: il primo di porto ingiustificato di coltello, possesso di orologio di marca di dubbia proveniente e di essersi trattenuto territorio nazionale clandestinamente; il secondo di averlo trovato anch’egli in possesso di un orologio di discutibile provenienza e il terzo di trovarsi sul territorio italiano clandestinamente.marca Lorenz

Infatti, sono stati intercettati e controllati a Malosco, risultavano che si erano introdotti e trattenuti sul territorio nazionale in maniera clandestina e sono stati trovati in possesso di un coltello senza giustificato motivo, due erano in possesso di due bei orologi di marca Lorenz di cui non riuscivano a dare alcuna spiegazione ragionevole relativamente al loro possesso.

A termine delle doverose verifiche il coltello e l’orologio sono stati sequestrati, mentre i tre giovani sono stati denunciati in stato di libertà per i reati sopra richiamati.

I due orologi saranno postati al seguente link dai militari
http://www.carabinieri.it/cittadino/servizi/banche-dati/oggetti-rinvenuti, in modo da poter esser riconosciuti da eventuali proprietari a cui sono stati sottratti.

I carabinieri del Comando Provinciale di Trento continuano a pattugliare e perlustrare il territorio per garantire un’adeguata cornice di sicurezza all’intera Provincia. Pattuglie a piedi, a bordo di autoradio, moto, e anche in abiti civili stanno vigilando il capoluogo e la provincia. Sono stati intensificati i controlli nei centri cittadini e nella periferia, presso le principali arterie, nonché quelle delle valli e dei laghi, con particolare attenzione alla statali.

Sono stati intensificati anche i tradizionali servizi svolti per il contrasto alla microcriminalità con unità antiborseggio nelle vie commerciali, e vicino ai supermercati e nei centri commerciali.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136