QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Cles: sfregia il volto di un 19enne, denunciato bolzanino dai carabinieri

sabato, 31 gennaio 2015

Cles – Un equipaggio dell’Aliquota Radiomobile della Compagnia di Cles è stanotte intervenuto presso un pub di Fondo dopo che un giovane alto atesino di 37 anni ha cagionato una profonda ferita da taglio al volto di un diciannovenne del posto.Carabinieri

Il bolzanino, al culmine di una breve ma accesa discussione, alterco probabilmente favorito da uno stato di alterazione dovuto ad una smodata assunzione di alcolici, ha finito per pigiare con forza un boccale in vetro sulla guancia del contendente. Il bicchiere è così andato in frantumi. I taglienti cocci hanno poi finito per bucare la guancia al giovane e, nello stesso tempo, tagliare la mano dell’aggressore.

Il parapiglia generatosi (il giovane ferito è stato prontamente soccorso e condotto presso l’ospedale di Cles, dove è stato trattato “in urgenza” prima di essere trasferito e ricoverato presso il Santa Chiara di Trento) ha favorito la “fuga” (l’uomo è di fatto rincasato) del responsabile del fatto reato. I militari, raccolte le prime testimonianze e visionato il filmato del sistema di videosorveglianza attivo nel locale, lo hanno però presto identificato.

Quando è stato fermato è apparso ancora piuttosto confuso. Ora è presso la Compagnia di Cles, dove i militari stanno documentando quanto accaduto. Potrà rispondere, all’esito della convalescenza della parte offesa, di lesione personale gravissima (il reato prevede la pena della reclusione da 6 a 12 anni), potendo aver causato uno sfregio permanente al viso della vittima.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136