QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad

Ad

Ad
Ad

Ad
Ad

Ad

Cles: serbo e albanese pregiudicati per reati di droga, i carabinieri li arrestano

martedì, 14 febbraio 2017

Cles – I Carabinieri della Compagnia di Cles hanno ieri dato esecuzione a due ordini di carcerazione disposti dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Trento a carico di altrettanti pregiudicati: B.O. e R.V. – queste le iniziali dei due, albanese di 30 anni il primo, serbo 37enne il secondo – non avevano infatti ancora saldato il loro conto con la giustizia per reati attinenti allo smercio di droga in valle, fatti commessi oramai qualche anno fa in situazioni e tempi differenti. Da ieri sera, sono rinchiusi nel carcere del capoluogo.

carabinieri clesIl primo, che all’ora di pranzo è stato rintracciato presso la propria abitazione dagli uomini del Nucleo Operativo e Radiomobile, dovrà restarvi per 2 anni ed 8 mesi, reclusione disposta quale somma di due condanne recentemente divenute esecutive. Poche ore prima del suo fermo, gli stessi militari delegati dalla Procura della Repubblica di Trento a dare esecuzione all’ordine di carcerazione lo avevano controllato in compagnia di una coetanea. La ragazza possedeva pochi grammi di cocaina e marijuana, droga destinata all’uso personale.

Quanto all’altro, i Carabinieri lo stavano cercando da circa un anno, da quando cioè avevano ricevuto mandato di arrestarlo e condurlo in carcere perché scontasse 4 mesi e 10 giorni di reclusione, termini di una condanna per delitti concernenti lo spaccio di droga commessi tra il 2011 ed il 2012. Gli uomini della Stazione di Cles hanno portato avanti una regolare raccolta di informazioni sul suo conto con lo scopo di poterlo rintracciare quando sarebbe tornato in Val di Non per far visita ai propri familiari. Così è stato. Nel primo pomeriggio di ieri l’uomo è stato individuato proprio a casa di parenti.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136