QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Cles: privo di biglietto sul treno Trento-Malé, minaccia controllore e carabiniere in borghese. Arrestato dai militari 26enne del Benin

sabato, 3 ottobre 2015

Cles – Sul treno senza biglietto, minaccia e spintona un carabinieri: arrestato giovane africano. I carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Cles hanno tratto in arresto nella flagranza dei reati di resistenza e violenza e minaccia a un pubblico ufficiale un ventiseienne I.J..

Il giovane, originario del Benin, questa mattina è salito a bordo di un treno della ferrovia Trento – Malè, diretto in Val di Sole. Non avendo acquistato il biglietto, quando è incappato nel controllore, anziché munirsi del previsto titolo di viaggio, come avrebbe potuto fare, ha preso a protestare in maniera sempre più veemente e così a respingere l’esortazione a lasciare il convoglio alla prima fermata utile.

Il suo atteggiamento ha finito per creare tensione tra i passeggeri. Alcuni di loro, schieratisi dalla parte del controllore, sono stati anche offesi dal giovane, che ad un certo punto sembrava aver perso completamente la ragione. carabinieri cles1

L’intervento di un militare della Compagnia di Cles, che in borghese viaggiava a bordo del treno, non ha migliorato la situazione. Lo straniero ha affrontato e minacciato anche lui, negando la sua autorità con ripetute offese e rifiutandosi di esibire un documento di identità. Quando ha visto il militare portarsi all’orecchio il telefono cellulare per chiamare i colleghi ha completamente perso le staffe. L’ha affrontato e spinto ripetutamente contro la porta del bagno. Poi, quando il treno si è fermato a Dermulo, con forza, l’ha scostato ed è scappato. Ne è seguito un inseguimento a piedi, che si è concluso con l’arrivo di un equipaggio dell’Aliquota Radiomobile.

I.J., che ha un regolare permesso di soggiorno ma da qualche tempo sembra vivere di espedienti, è stato tratto in arresto. Lunedì sarà giudicato dal Tribunale di Trento con rito direttissimo.

Il capo treno ed il controllore, sentiti dagli investigatori, hanno raccontato che già un’altra volta, qualche giorno prima, il ragazzo era stato sorpreso a viaggiare senza biglietto. Nella circostanza, però, aveva preferito rinunciare al viaggio.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136