QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Cles, per l’assunzione di lavoratori stagionali non comunitari aperto lo sportello mobile Cinformi

sabato, 24 settembre 2016

Cles – Per agevolare lo svolgimento delle pratiche di assunzione dei lavoratori stagionali non comunitari è aperto lo sportello mobile Cinformi a Cles (Trento).

ufficio-postale-cles-01

Da oggi è nuovamente operativo lo sportello mobile del Cinformi allestito presso l’ufficio postale di Cles, in Val di Non. Lo sportello consente di agevolare lo svolgimento delle pratiche riguardanti la richiesta del permesso di soggiorno necessario per l’assunzione dei lavoratori stagionali non comunitari per la raccolta della frutta. La postazione resterà attiva dal martedì al sabato, con orario 8-11, fino a sabato 1 ottobre 2016 compreso, con un’eventuale sospensione o proroga a seconda dell’andamento delle pratiche.

Naturalmente gli utenti potranno recarsi in tutti i casi alla sede del Cinformi in via Lunelli 4 a Trento, dove il personale fornirà tutte le indicazioni e l’assistenza necessaria.

Nella procedura per l’ingresso dei lavoratori stagionali il Cinformi collabora con il Servizio lavoro della Provincia autonoma di Trento, la Questura di Trento, Poste italiane e, nel caso dello sportello di Cles, anche con le Associazioni di categoria. Lo scorso anno sono state 301 le pratiche di permesso di soggiorno evase dallo sportello mobile del Cinformi allestito in Val di Non.

La procedura

Il lavoratore e il datore di lavoro devono recarsi presso lo sportello per la sottoscrizione del contratto di soggiorno e per la richiesta del permesso di soggiorno. Tale sottoscrizione è necessaria ai fini della validità dell’instaurazione del rapporto di lavoro e conseguentemente del soggiorno in Italia del cittadino straniero e assolve alla comunicazione obbligatoria di assunzione.

I documenti da presentare allo sportello sono il nulla osta al lavoro (originale più fotocopia), il passaporto (originale più fotocopia delle pagine con timbri e visti) e una marca da bollo da 16 euro.

Il Cinformi stampa i contratti di soggiorno facendoli sottoscrivere alle parti e consegna poi al lavoratore il modulo compilato necessario per la richiesta del permesso di soggiorno – su cui viene applicata la marca da bollo di 16 euro – che successivamente verrà spedito dallo sportello postale assieme alle fotocopie del passaporto e alla fotocopia del nulla osta al lavoro. Inoltre, il lavoratore deve versare a Poste italiane 30 euro per il servizio.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136