Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad

Ad
Ad

Ad


Cles ospita una tappa del Tour of the Alps. I commenti di Paternoster e Mucchi

giovedì, 22 novembre 2018

Cles – Il 25 aprile 2019 sarà nel segno del ciclismo a Cles (Trento), tappa di arrivo del Tour of the Alps. La quarta tappa partirà da Baselga di Piné e arriverà nel capoluogo della Val di Non. “Per noi – spiega Andrea Paternoster (video sotto), presidente di Apt Val di Non - è un grande onore ospitare la tappa del Tour of the Alps. Già due anni fa avevamo ospitato una tappa, nel 2019 lo saremo ancora. La nostra terra già con il trofeo Melinda è legata a questa manifestazione ed ha espresso campioni del calibro di Maurizio Fondriest in passato e ora Gianni Moscon e Letizia Paternoster che hanno già vinto importanti gare e trofei (nella foto un momento della presentazione del Tour of the Alps 2019 con primo da sinistra il campione Simoni).

Cles - Tour of the AlpsLa 4a tappa  del Tour of the Alps sarà tutta in territorio trentino, con il Forcella di Brez e Passo Predaia, 134 km da Baselga di Pinè a Cles (sotto l’altimetria). Quest’ultima ha legato il suo nome al grande ciclismo, partendo dal Trofeo Melinda. Nel 2019 – come in passato – il Consorzio Melinda è al fianco del Tour of the Alps e vestirà il leader della manifestazione ciclistica.

Cles – commenta il sindaco Ruggero Mucchi – è da sempre legata a doppio filo al ciclismo e in questo anni lo sta valorizzando sia con manifestazioni di alto profilo – il Tour of the Alps su tutti – sia con il ciclismo giovanile. Inoltre offre percorsi in un contesto ambientale naturale unico“.

altIl Tour of the Alps è articolato su cinque giorni attraversa tre regioni (Trentino, Tirol e Sud Tirol) esaltandone le rispettive eccellenze e particolarità, ma soprattutto i valori che intimamente le uniscono: la mobilità sostenibile, l’ospitalità ai migliori livelli, l’amore per lo sport e la vita all’aria aperta, del rispetto della natura senza privarsi del piacere di “vivere“ il paesaggio alpino. Ieri svelato il percorso, ecco qui presentazione e dettagli.

VIDEO



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136