QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Cles: l’esposizione sulla montagna fa il pienone nei primi giorni di apertura

lunedì, 12 ottobre 2015

Cles – Grande successo dei primi giorni di apertura dell’esposizione “Montagna oltre la natura” a Palazzo Assessorile. La mostra è stata realizzata in collaborazione con il Mart, Museo di arte moderna e contemporanea di Trento e Rovereto.

Ideata da Margherita de Pilati, curatrice del Mart e responsabile della Galleria Civica di Trento, esplora il mondo della montagna, intesa non solo come spazio fisico ma ancCLES_de Maffei_minihe come luogo della mente e dello spirito, che tempra il corpo e forma il carattere. Per Johann Wolfgang Goethe i monti sono “maestri muti che fanno discepoli silenziosi”, mentre John Ruskin li definisce “principio e fine di ogni scenario naturale”.

Ma la montagna è anche luogo dell’azione dell’uomo e teatro di trasformazioni continue, sia di natura geologica che antropica. L’uomo trasforma la montagna abitandola, utilizzandola, piegandola ai suoi scopi: ne coltiva le pendici, costruisce strade, ne sfrutta le pendenze per lo sport e per il divertimento, estrae minerali e materie prime dalle sue profondità. Talvolta, purtroppo, le trasforma in scenario di guerra, come avvenuto cento anni fa in occasione delle drammatiche e logoranti battaglie di trincea ad alta quota. Altre volte la rispetta, la osserva silenzioso e la tutela.

MOSTRA FOTOGRAFICA 

Si tratta di una mostra fotografica che ha l’obiettivo di indagare il rapporto fra l’uomo e la montagna, mettendo questa al centro ma senza limitarsi alla registrazione del dato naturalistico.

In base alla propria sensibilità, i sette artisti selezionati illumineranno così diversi aspetti di questo millenario rapporto: Gabriele Basilico, in un celebre ciclo dedicato al Trentino, cerca le tracce dei segni lasciati sul nostro territorio dall’azione economica, industriale e sociale dell’uomo; Antonio Biasiucci, con il ciclo Magma, si concentra sugli aspetti geologici della montagna; Alberto Bregani registra le asprezze delle rocce dolomitiche; Gea Casolaro sfrutta la montagna come libro della memoria, sovrapponendo fotografie d’epoca a scatti contemporanei, alla ricerca di variazioni e continuità; Camilla de Maffei indaga un luogo di montagna violentato dalla guerra, i boschi attorno a Sarajevo; Walter Niedermayr racconta l’epopea del turismo invernale in montagna; Marco Maria Zanin evoca con i suoi scatti una visione poetica della natura.

L’Amministraizone comunale di Cles – come evidenziato dall’assessorato alla cultura e dal sindaco Ruggero Mucchi –  è onorata di poter collaborare con il Museo di arte moderna e contemporanea di Trento e Rovereto, ribadendo il grande impegno nel costruire intorno a Palazzo Assessorile una rete culturale, con le istituzioni museali provinciali.

Continua infatti il percorso di valorizzazione di Palazzo Assessorile, che, grazie alla sua valenza storica, artistica e culturale, è diventato luogo ideale non solo per mostre pittoriche, fotografiche o artigianali, ma anche per conferenze, seminari e presentazioni, ben adattandosi anche a proposte culturali innovative o a laboratori di iniziative, di idee, per chi vuole osare fare cose speciali.

Palazzo Assessorile, Piazza Municipio 21 – 38023 Cles

Info: Tel. +39 0463 662091 / 041

Tel. +39 0463 421376

cultura@comune.cles.tn.it – www.comune.cles.tn.it

martedì – domenica 10.00 – 12.00 / 15.00 – 19.00

lunedì chiuso

chiusure straordinarie: 25.12.2015 e 01.01.2016


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136