QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad

Ad
Ad
Ad


Cles, “La tregua di Natale”: il recital di Luigi Sardi a Palazzo Assessorile

martedì, 13 febbraio 2018

Cles – Grande attesa per il recital “La tregua di Natale” inserito nell’ambito della mostra “1917. L’Ultimo Natale di Guerra”. Il recital, organizzato dall’assessorato alla cultura del Comune di Cles (Trento) è in cartellone giovedì 15 febbraio alle 20.30 presso Palazzo Assessorile, a cura di Luigi Sardi.

“La Tregua di Natale”. Recital di Luigi Sardi con racconto di una serie di cessate il fuoco non ufficiali avvenuti nei giorni intorno al Natale 1914. Voce narrante: Antonio Dalpiaz e musiche: Piergiorgio Lunelli.

LA TRAMA - Il giovane Alcide Degasperi, Papa Bendetto XV e il tentativo di portare un Santo Natale di pace sui fronti insanguinati della Grande Guerra: un episodio poco conosciuto raccontato con grande passione e rigore storico. Si narra dell’incontro nel novembre del 1914 fra il deputato trentino e Benedetto XV, entrambi in cerca della Tregua di Natale.
La storia dell’incontro di Degasperi e il Papa nel novembre del 1914, assolutamente sconosciuta, suscita davvero una forte emozione. Sarà Degasperi a recarsi nel novembre del 1914 in Vaticano per incontrare il Papa e suggerire al Pontefice Benedetto XV la lettera per chiedere la “tregua di Natale”. Degasperi descriverà l’incontro col Pontefice, il turbamento del Papa di fronte alla tragedia della guerra che è già un’enorme strage, la stesura della famosa lettera che chiede la “tregua di Natale” ai governi in guerra. La tregua non ci sarà o meglio, sul fronte delle Fiandre, tedeschi e inglesi si accorderanno per non sparare nel giorno di Natale. Sarà ancora il giornale di Degasperi a raccontare minutamente quella tregua: l’incontro nella terra di nessuno, la sepoltura dei Caduti, lo scambio di doni, il gioco del pallone fra inglesi e tedeschi, il rancio in comune, il silenzio delle armi nel giorno del Natale. Quel momento di fratellanza fra giovani soldati che hanno deposto le armi, viene considerato come l’embrione dell’Unità dell’Europa.

La mostra - Cles, Palazzo Assessorile – aperta fino al 4 marzo 2018

La mostra rievoca, attraverso il ricordo del Natale, momento vocato alla pace per eccellenza, quel particolare Natale del 1917, l’ultimo della Prima guerra mondiale. In questo modo, presepi a tema, documenti dell’Archivio comunale di Cles, oggettistica e memorialistica, una mostra bibliografica e un video, costruiscono un percorso in cui il racconto della tragedia della guerra si apre ad una speranza di pace, attualizzando paure e aspettative vive anche nel mondo di oggi.

Orario di apertura: dal martedì alla domenica: dalle 10 alle 12 e dalle 15 alle 18. Lunedì chiuso.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136